Indici di Borsa: Quali sono i migliori e come investire?

Nel mondo sempre più complesso degli investimenti, gli indici di borsa svolgono un ruolo cruciale nel fornire un quadro chiaro delle prestazioni dei mercati finanziari. Gli investitori di tutto il mondo si affidano a questi indicatori per valutare l’andamento dei mercati azionari, misurare la redditività dei loro portafogli e prendere decisioni informate sugli investimenti.

In questo articolo, esamineremo in dettaglio alcuni dei migliori indici di borsa del 2024, analizzando il loro andamento storico, le componenti chiave e le prestazioni recenti. Iniziamo subito!

Quali sono i migliori indici di borsa del 2024?

📌 INDICE ⭐ PAESE
Dow Jones USA
Nasdaq USA
S&P 500 USA
Euro Stoxx 50 Unione Europea
Ibex 35 Spagna
Nikkei Giappone
Ftse Mib Italia
Ftse 100 Regno Unito
Cac 40 Francia
Dax 30 Germania
Hang Seng Cina
Ftse China A50 Cina

🔽SUGGERIMENTO PRIMA DI INIZIARE🔽

La migliore soluzione per investire in indici di borsa è rappresentata dai Contratti per Differenza (CFD), i quali consentono di puntare sull’andamento del prezzo dell’asset. Per operare con questi strumenti, dovrai scegliere un broker adeguato, come eToro, che ti consente di puntare su questo asset alle migliori commissioni del mercato e utilizzando perfino strumenti di trading automatizzato, come il Copy Trading, per replicare le operazioni e i risultati dei trader di indici (e non solo) più performanti. Per iniziare, basta una semplice registrazione e selezionare l’indice di tuo interesse. 

Clicca qui per aprire un conto su eToro

Dow Jones

Il Dow Jones Industrial Average, noto anche come Dow Jones, è uno dei più antichi e prestigiosi indici azionari del mondo. È stato creato nel 1896 da Charles Dow e Edward Jones e comprende 30 delle principali società quotate in borsa negli Stati Uniti, rappresentando una vasta gamma di settori.

Nel corso della sua storia, il Dow Jones ha subito numerose fluttuazioni, ma ha registrato un costante aumento nel lungo termine, riflettendo la crescita economica degli Stati Uniti. Il suo massimo storico è stato raggiunto nel febbraio 2020 prima dell’impatto della pandemia di COVID-19, ma il mercato si è poi ripreso notevolmente, dimostrando la sua resilienza nel corso degli anni.

NASDAQ

Il NASDAQ, acronimo di National Association of Securities Dealers Automated Quotations, è un importante mercato azionario statunitense con sede a New York, noto per la negoziazione di titoli ad alta crescita. Il suo indice di borsa corrispondente, è diventato un punto di riferimento per le società tecnologiche, tra cui giganti come Apple, Amazon, Microsoft e Google.

Nel corso degli anni, il Nasdaq ha registrato andamenti storici notevoli, inclusi periodi di rapida crescita durante le bolle tecnologiche degli anni ’90 e ‘dot-com’, così come una ripresa dopo la crisi finanziaria del 2008. 

S&P 500

L’indice S&P 500, abbreviazione di Standard & Poor’s 500, è un indice ponderato per la capitalizzazione di mercato che traccia le prestazioni delle 500 maggiori società quotate in borsa negli Stati Uniti. È stato creato da Standard & Poor’s nel 1957 ed è diventato uno dei principali indicatori del mercato azionario statunitense. La sua composizione è soggetta a cambiamenti regolari in base all’evoluzione delle aziende quotate.

Nel corso degli anni, l’S&P 500 ha mostrato un andamento storico variabile, con periodi di crescita sostenuta e correzioni significative, riflettendo le fluttuazioni dell’economia e degli investimenti negli Stati Uniti.

Euro Stoxx 50

L’Euro Stoxx 50 è un indice azionario europeo che rappresenta le performance delle 50 principali società quotate in Europa in termini di capitalizzazione di mercato. Creato nel 1998, l’indice comprende aziende di vari settori e paesi dell’area euro. Nel corso degli anni, l’Euro Stoxx 50 ha registrato variazioni significative a causa di eventi economici e politici in Europa.

Il suo andamento storico è stato influenzato da oscillazioni nei mercati finanziari globali e da eventi come la crisi finanziaria del 2008 e la crisi dell’euro. Tuttavia, rimane un importante indicatore delle condizioni economiche in Europa e viene utilizzato come punto di riferimento per gli investitori interessati ai mercati azionari del continente.

Ibex 35

L’Ibex 35 è l’indice che rappresenta la Borsa di Madrid, Spagna, e rappresenta le 35 principali società quotate in questa piazza finanziaria. Creato nel 1992 con una base di 3.000 punti, l’Ibex 35 riflette l’andamento delle società più grandi e influenti del paese in settori come finanza, energia, telecomunicazioni e turismo.

Nel corso degli anni, l’Ibex 35 ha subito fluttuazioni significative, con picchi e crolli che hanno rispecchiato la volatilità dei mercati finanziari globali. La sua composizione è soggetta a revisioni periodiche per mantenere la sua rappresentatività nell’economia spagnola.

Nikkei

Il Nikkei è un indice azionario giapponese, creato nel 1950 dalla Nihon Keizai Shimbun, un importante giornale finanziario giapponese. Questo indice rappresenta le performance delle 225 principali società quotate alla Borsa di Tokyo (TSE).

Nel corso della sua storia, il Nikkei ha registrato significativi alti e bassi, con un picco storico nel 1989 quando ha superato i 38.000 punti. Successivamente, ha subito una lunga fase di declino, nota come la “bolla speculativa giapponese”, e ha continuato a fluttuare fino ai giorni nostri, riflettendo le dinamiche economiche del Giappone. È uno degli indici più seguiti a livello globale per valutare l’andamento dell’economia e dei mercati finanziari giapponesi.

FTSE Mib

Il FTSE MIB è l’indice di riferimento della Borsa Italiana e rappresenta le performance delle 40 principali società quotate in Italia. Creato nel 1997, ha subito variazioni nella sua composizione nel corso degli anni, riflettendo le dinamiche del mercato italiano.

L’andamento storico del FTSE MIB è stato influenzato da vari fattori, tra cui la situazione economica italiana, le politiche governative e gli eventi globali. Ha raggiunto il suo massimo storico nel 2007 prima della crisi finanziaria e ha sperimentato oscillazioni significative da allora, riflettendo la volatilità dei mercati finanziari globali e le sfide economiche interne.

FTSE 100

Il FTSE 100, noto anche come “Financial Times Stock Exchange 100 Index”, è un indice azionario britannico che rappresenta le 100 principali società quotate alla Borsa di Londra in base alla capitalizzazione di mercato. È stato introdotto il 3 gennaio 1984 con un valore di base di 1000 punti. Nel corso degli anni, il FTSE 100 ha registrato variazioni significative, riflettendo le fluttuazioni dell’economia britannica e globale.

Ha raggiunto il suo massimo storico di oltre 7.800 punti nel maggio 2018, ma è stato fortemente influenzato dalla Brexit. La composizione del FTSE 100 è soggetta a cambiamenti frequenti a causa delle dinamiche del mercato azionario, ma spesso include aziende di settori come finanza, energia, sanità e consumo.

CAC 40

Il CAC 40 segue l’andamento della Borsa di Parigi e rappresenta le 40 principali aziende quotate in Francia in base alla capitalizzazione di mercato. È stato creato nel 1987 con un valore base di 1.000 punti. Nel corso degli anni, il CAC 40 ha subito fluttuazioni significative, con momenti di crescita e di declino influenzati da eventi economici e politici.

La sua composizione è stata storicamente soggetta a numerosi cambiamenti nel tempo a causa di fusioni, acquisizioni e variazioni nella performance delle aziende. Nel corso della sua storia, il CAC 40 ha raggiunto il massimo storico nel 2000 con oltre 6.900 punti prima di subire variazioni significative, con picchi e ribassi successivi. 

DAX 30

Il DAX 30 è l’indice di riferimento della Borsa di Francoforte in Germania, rappresentando le performance delle 30 maggiori società quotate in questo mercato. È stato creato nel 1988 con un valore base di 1.000 punti e ha subito variazioni significative nel corso degli anni, riflettendo le dinamiche dell’economia tedesca e globale.

La sua composizione include aziende di settori diversi, come l’automobilistico, la finanza e la tecnologia. Nel corso degli anni, anche grazie al suo andamento stabile, il DAX 30 è diventato un importante indicatore delle condizioni economiche europee e globali.

Hang Seng

L’Indice Hang Seng, introdotto nel 1969, è uno dei principali indici di borsa di Hong Kong ed è gestito dalla Hang Seng Indexes Company Limited. Esso rappresenta l’andamento delle azioni delle 50 principali società quotate in borsa a Hong Kong, coprendo una vasta gamma di settori industriali.

Nel corso degli anni, l’indice Hang Seng ha riflettuto l’evoluzione dell’economia di Hong Kong e la sua importanza come centro finanziario globale. Ha registrato significative fluttuazioni, ma il suo massimo storico è stato raggiunto nell’aprile 2015.

FTSE China A50

L’FTSE China A50 è l’indice azionario che rappresenta le 50 principali società quotate sul Shanghai Stock Exchange e sulla Shenzhen Stock Exchange, offrendo una panoramica dell’andamento dei mercati azionari cinesi. La sua composizione è caratterizzata da aziende di vari settori, inclusi finanza, tecnologia, consumo e energia.

Nel corso degli anni, l’indice ha sperimentato fluttuazioni significative, riflettendo la crescita economica e le sfide del mercato cinese. Nel 2007, ha raggiunto il suo massimo storico prima di subire un crollo durante la crisi finanziaria globale, ma da allora ha mostrato una crescita costante grazie all’espansione economica della Cina, ed è un’ottima soluzione per coloro che sono interessati ad investire nella borsa cinese.

Altri indici da considerare

Come fare trading sugli Indici di borsa?

I CFD sono il sistema più semplice ed economico per investire sugli Indici di borsa e su molti altri titoli. Potrai negoziarli con facilità su uno dei principali broker online, i quali consentono di investire sugli Indici sia al rialzo che al ribasso, grazie alla vendita allo scoperto. 

Questi intermediari non sono tutti uguali, per negoziare in sicurezza ti consigliamo solo Broker registrati presso la CONSOB o altri enti di vigilanza europei, come eToro. Per iniziare ad investire con questi broker, non dovrai far altro che seguire questi step:

  1. Apri un conto sul broker prescelto. 
  2. Inserisci le tue informazioni personali. 
  3. Effettua il deposito minimo iniziale.
  4. Cerca l’indice sul quale vuoi investire.
  5. Imposta i parametri, al rialzo o al ribasso. 
  6. Apri la posizione. 

Clicca qui per iniziare ad investire in indici

Dove investire in indici di borsa?

Le migliori piattaforme per investire in indici di borsa e, in generale, nelle principali borse mondiali, sono quelle che offrono elevati standard di sicurezza, strumenti all’avanguardia e consentono di operare in modo professionale, anche se si è un principiante. 

Qui di seguito, ti presentiamo due delle migliori piattaforme per investire in indici di borsa, perfette per qualunque tipologia di trader.

eToro

Con una delle piattaforme di trading fra le più semplici e intuitive da utilizzare, eToro è il Broker online più diffuso al mondo. Basta un deposito minimo di 50 euro e, grazie alle licenze CySEC e CONSOB che rendono questo Broker sicuro e affidabile, investire diventa facile ed economico per chiunque.

Ma ciò che davvero può fare la differenza utilizzando eToro è il suo sistema automatico d’investimento: una funzionalità denominata Copy Trading permette di copiare ciò che fanno i trader più bravi al mondo (che negoziano su eToro) in modo totalmente automatico e gratuito.

Il funzionamento del Copy Trading è semplice: ci si iscrive a eToro, si scelgono i trader che si vogliono copiare (solitamente fra quelli più bravi) e con un click il software ricopierà sul vostro conto tutte le operazioni che fanno questi investitori, in modo gratuito e del tutto automatico. In questo modo, anche un neofita otterrà gli stessi rendimenti dei migliori trader della piattaforma (che sta copiando), in base a quanto ha investito su ognuno di loro.

Clicca qui per aprire un conto su eToro

XTB

XTB offre un software di trading davvero pratico e intuitivo, ideale per i trader alle prime armi. Questo Broker ha una licenza CONSOB per l’Italia e una CySEC per l’Europa, quindi è un intermediario sicuro che permette di fare trading senza pagare commissioni fisse.

XTB  si incentra in modo particolare sulla formazione, offrendo gratuitamente tutti gli utenti registrati un Corso di trading che insegna le basi del trading online e permette di ottenere subito tutte le informazioni necessarie per diventare trader. Il corso è completamente gratuito ed è redatto da veri esperti del settore, che diffondono il loro sapere e le loro migliori strategie per aiutare i trader a migliorare le loro operazioni. 

Clicca qui per accedere al corso di XTB

Una volta terminato il corso, potrai mettere in pratica la formazione ricevuta sul conto demo della piattaforma, o ottimizzare ulteriormente le tue operazioni richiedendo una consulenza gratuita ad uno degli specialisti di trading di XTB.

Clicca qui per aprire un conto su XTB

Per approfondire, puoi leggere la nostra recensione di XTB.

Indici di borsa

Conclusioni

Gli Indici di borsa rendono più semplice sapere come sta andando il mercato senza dover seguire le oscillazioni di ogni singolo titolo. Offrono anche semplici opportunità di investimento per gli investitori alle prime armi e si possono negoziare tramite i CFD, che riflettono il valore del singolo indice e permettono di tradarlo come un titolo azionario.

Se volete investire su un Indice di borsa, la prima cosa da fare è scegliere un Broker sicuro e autorizzato legalmente ad operare in Italia (dalla CONSOB) come quelli che abbiamo recensito in questa guida.

🔽REGISTRATI PER INIZIARE AD INVESTIRE🔽

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • REGISTRATI
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Azione Gratuita
  • Corso Gratis
  • REGISTRATI
    1star 1star 1star 1star 1star

    FAQ

    Come fare trading sugli Indici di borsa?

    Per fare trading sugli indici di borsa, è possibile utilizzare i Contratti per differenza (CFD). I CFD consentono agli investitori di speculare sull’andamento degli indici senza dover possedere fisicamente gli strumenti sottostanti. Per farlo, si apre un contratto CFD con un broker, si sceglie l’indice desiderato e si decide se investire al rialzo o al ribasso.

    Che tipi di Indici di borsa esistono?

    Esistono diversi tipi di indici di borsa, ognuno dei quali rappresenta una particolare area geografica, settore industriale o categoria di asset finanziari. Alcuni esempi comuni includono gli indici azionari, che tracciano l’andamento delle azioni di società quotate; gli indici obbligazionari, che misurano il rendimento dei titoli di stato o obbligazionari; gli indici delle materie prime, che seguono il prezzo delle commodities; e gli indici di mercati emergenti, che coprono economie in crescita.

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]
    Lascia un commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.