DAX: cos’è e come puoi investire nell’indice di Borsa tedesca

Come sanno tutti i nostri più assidui lettori, non è possibile investire direttamente negli indici di Borsa. Tuttavia, è possibile farlo attraverso strumenti finanziari derivati come i CFD, soprattutto grazie alle migliori piattaforme del mondo, come quelle che sono fornite gratuitamente da broker al top come eToro (sito ufficiale), Investous (sito ufficiale) e Trade.com (sito ufficiale).

Cerchiamo allora di approfondire questo tema in un nostro focus completo, guidandoti passo dopo passo verso il trading su DAX!

Cos’è il DAX

La Germania è la più grande e importante economia europea. E, non a caso, è anche il Paese a cui è possibile attribuire l’indice di Borsa più liquido del vecchio Continente, il DAX.

Il DAX è infatti un indice creato in Germania nel 1988 e in grado di rappresentare i 30 titoli più liquidi negoziati alla Borsa di Francoforte, comprendendo così alcuni marchi noti in tutto il mondo come

  • BMW,
  • Deutsche Bank,
  • Adidas,

e tanti altri ancora.

Le società incluse nel DAX vengono selezionate in base alle loro dimensioni di capitalizzazione, con le società che vengono aggiunte all’indice se diventano una delle 25 maggiori società in termini di valore complessivo di mercato e che vengono rimosse se scendono invece al di sotto delle 45 maggiori società sul mercato finanziario. Il valore dell’indice stesso è calcolato utilizzando i volumi e i prezzi che sono segnalati attraverso uno scambio elettronico chiamato Xetra trading system.

Non solo. In aggiunta a quanto sopra è bene sottolineare come il DAX sia anche uno degli indici più popolari al mondo per il trading, insieme all’S&P 500, al FTSE e al NASDAQ. Ma per quali motivi? Cerchiamo di scoprirlo insieme, e di valutare in che modo puoi approfittare del DAX per poter arricchire la tua strategia di trading alle prese con i migliori broker al mondo, come eToro (clicca qui per il sito ufficiale).

Leggi anche: Imparare a investire in Borsa

Perché investire sul DAX?

Esistono diversi vantaggi che sono sottostanti il trading del DAX. Proviamo a sintetizzare i principali, lasciandoti poi la possibilità di parlare degli altri nello spazio dei commenti:

  • fare trading sull’intero mercato tedesco: molti nuovi trader e investitori fanno fatica a scegliere le singole società in cui investire. Gli indici azionari risolvono questo problema permettendoti di fare trading sui valori di più le aziende che compongono un indice in una singola transazione. Investire sul DAX significa dunque investire in buona parte del mercato finanziario tedesco, piuttosto che puntare su singole e specifiche azioni;
  • volatilità: il DAX può essere abbastanza volatile, con percentuali che vanno dal 10% di volatilità nei periodi di bassa volatilità, fino al 50% nei periodi di alta volatilità. Ogni movimento del mercato offre maggiori opportunità di trading, il che significa che i mercati volatili offrono maggiori opportunità di trading. Attenzione, però: maggiore volatilità significa anche maggiore rischio, che dovresti fronteggiare fissando gli opportuni limiti alle tue posizioni, come gli stop loss e i take profit. Stabilirli in apertura di ogni posizione è semplicissimo, e ti basterà aprire un conto demo, come questo account virtuale su Investous (sito ufficiale) per scoprire come funziona;
  • orari di trading: il DAX è aperto per 60 ore alla settimana, che è il doppio del numero di ore della maggior parte delle altre borse, che sono aperte per 25 – 35 ore alla settimana, dando ai trader molte più opportunità di trading.

dax

Come fare trading con il DAX?

Poiché – come ti abbiamo già ricordato nelle righe di apertura di questo approfondimento – è impossibile investire direttamente in un indice azionario, gli investitori che cercano un’esposizione al DAX devono trovarla investendo in strumenti finanziari derivati come i contratti per differenza (CFD), i futures e i fondi negoziati in borsa (ETF).

Se ci segui da diverso tempo dovresti già sapere che noi consigliamo sempre di investire con un CFD mediante i principali broker come:

Prima di procedere oltre, però, possiamo fare un piccolo riassunto.

Un CFD è un derivato finanziario che monitora i movimenti di uno strumento sottostante. In altre parole, è un contratto che permette ai trader di trarre profitto dai movimenti di prezzo di un asset finanziaria, senza dover possedere tale attività.

I CFD sono disponibili su una vasta gamma di attività, tra cui Forex, azioni, criptovalute, materie prime, obbligazioni e, naturalmente, indici come il DAX. I CFD non fanno altro che seguire direttamente il valore di ciascuna di queste attività.

Ad esempio, un CFD sul DAX si muove in linea con l’indice DAX stesso. Quindi, se il DAX fosse valutato a 10.000, anche il CFD sul DAX sarebbe valutato a 10.000. Se il valore aumentasse o diminuisse, lo sarebbe anche il CFD. In definitiva, questo permette ai trader di speculare sui potenziali cambiamenti di prezzo senza dover acquistare fisicamente un’attività e poi venderla quando il prezzo cambia.

Leggi anche: Giocare in Borsa

I vantaggi del trading con i CFD

Ora che sai che cos’è il DAX e quali sono i meccanismi di azioni dei CFD sul DAX, possiamo ben rammentare che ci sono diversi tipi di trading del DAX con i CFD, tra cui:

  • requisiti di basso margine: per investire in azioni di tutte le 30 società rappresentate dal DAX sarebbe necessario un capitale significativo! Di contro, i CFD possono dare ai trader l’accesso allo stesso mercato per una frazione del costo, utilizzando il meccanismo della marginalità e della leva finanziaria tipici dei CFD;
  • leva finanziaria: i CFD sono uno strumento a leva finanziaria. Il che significa che i trader possono accedere ad una porzione più ampia del mercato con un investimento di capitale iniziale più piccolo. Ad esempio, presso i più noti broker come eToro (sito ufficiale), potresti fare trading CFD sul DAX con un rapporto di 1:2. Questo significa che per ogni euro del tuo conto di trading, puoi accedere a 2 euro sul mercato da impiegare sul DAX. Il che, in altri termini, significa che puoi aprire operazioni che sono 2 volte più grandi del saldo del tuo conto. Questo moltiplica i potenziali profitti (in relazione al tuo investimento) per lo stesso importo. Tuttavia, tieni anche presente che le perdite vengono moltiplicate allo stesso modo! Dunque, rapportati con la leva finanziaria con grandissima attenzione e, nelle prime fasi del tuo trading, cerca di evitare di investire in leverage o di investire con una leva molto bassa;
  • accesso a una vasta gamma di mercati: sebbene il nostro odierno approfondimento si concentra sul trading del DAX, giova ricordare che i CFD sono disponibili su una serie di altri strumenti finanziari. Ciò significa che con un broker come Investous (sito ufficiale) è possibile fare trading e investire su una vasta gamma di mercati da un unico conto di trading;
  • trading long o short: una delle sfide principali con l’investimento “tradizionale” è che gli investitori fanno soldi solo quando un mercato sta aumentando il proprio valore, ovvero con un mercato rialzista. Semplicemente, si deve acquistare a un prezzo e vendere quando il prezzo di un asset aumenta. Poiché i CFD rispecchiano semplicemente i movimenti di prezzo degli asset, piuttosto che implicare un investimento diretto in un’attività, i trader possono cercare il profitto sui movimenti di prezzo positivi sia con le operazioni long (rialziste) che con quelle short (ribassiste). Con i CFD, è dunque possibile aprire un’operazione vendendo un contratto CFD, e poi riacquistarlo quando il prezzo scende, realizzando un profitto sulla differenza. Qualcosa che non potresti certamente fare nel mercato tradizionale!

dax

CFD, ETF e futures sul DAX, quali differenze?

Gli ETF e i futures sono altri tipi di derivati finanziari con cui puoi fare trading sul DAX. Naturalmente, quando definiamo tali contratti come derivati finanziari, ci riferiamo al fatto che il loro valore dipende da altri strumenti finanziari. Come i CFD, dunque, questi strumenti permettono alle persone di negoziare e investire in strumenti finanziari senza dover acquistare l’attività sottostante. Tuttavia, i CFD hanno alcune caratteristiche uniche che ce li fanno preferire agli altri strumenti derivati.

Per esempio, sebbene sia i CFD che i futures forniscano leva finanziaria, un contratto futures ha l’obbligo di acquistare un indice ad un certo punto nel futuro (questa data futura si basa sulla data di scadenza del contratto, con i futures che scadono di norma mensilmente o trimestralmente).

La liquidità dei contratti future DAX è piuttosto buona, ed è un indicatore che viene utilizzato per misurare l’indice DAX. Tuttavia, per negoziare un future DAX, è necessario aprire un conto futures, il che può essere un processo difficile rispetto alle procedure semplificate di apertura di un conto di trading sui broker CFD.

Un ETF, invece, è un fondo negoziato in Borsa composto da azion. Uno strumento utilizzato per imitare i movimenti di un indice. Quindi un ETF che rispecchia il DAX sarebbe un paniere di azioni delle 30 società che compongono l’indice della Borsa tedesca.

Tuttavia, il problema che gli investitori si trovano ad affrontare quando acquistano un ETF è che sono tenuti ad investire vicino all’intero valore dell’indice quando acquistano le azioni. Come già discusso, i CFD hanno requisiti di investimento iniziale molto più bassi.

Leggi anche: Guadagnare in Borsa

Strategie sul trading DAX

Esiste una gamma di potenziali strategie per il trading dei CFD DAX.

Anche se non tutte sono sintetizzabili in queste poche righe, possiamo sicuramente accennare alla tradizionale strategia buy & hold. In questo caso, è sufficiente aprire un’operazione long, o ‘comprare’ un CFD sul DAX, e mantenere l’operazione aperta fino a quando il prezzo del DAX non aumenta. Una volta che il prezzo sale, è possibile chiudere l’operazione per un profitto.

C’è poi la possibilità di fare una negoziazione a breve termine. Il trading a breve termine può andare dal trading intraday, dove le operazioni possono durare alcuni giorni, allo scalping, dove le operazioni si aprono e si chiudono in pochi minuti. In entrambi i casi, l’obiettivo è quello di trarre profitto dalla volatilità dei prezzi a breve termine, con questa strategia che comporterà la realizzazione di molte operazioni a breve termine invece di una singola operazione a lungo termine.

C’è poi una strategia di hedging, o copertura. Una strategia di copertura consiste nel proteggere il proprio portafoglio detenendo posizioni opposte. Per esempio, potresti vendere un CFD sul DAX contro un trade lungo su un paniere di azioni correlate. In questo modo, quando il prezzo del DAX salirà, le azioni scenderanno e viceversa, mantenendo la tua posizione complessiva neutrale. Si tratta di una strategia utile quando si cerca di proteggere il proprio portafoglio in periodi incerti o volatili.

Ricorda che i CFD sul DAX sono un eccellente strumento per il trading a breve termine. Sia che si tratti di day trading o di mantenere una posizione per un paio di settimane, i CFD ti permetteranno di allocare quantità limitate di capitale e di sperimentare rendimenti robusti a fronte di un rischio tutto sommato limitato dall’apposizione di appositi elementi di contenimento del rischio.

Leggi anche: Gli errori di chi comincia a investire in Borsa

dax

Opinioni trading sul DAX

Il DAX è l’indice finanziario azionario europeo più liquido della Germania ed è in grado di fornire un benchmark affidabile per il trading delle azioni del Paese, e di buona parte del mercato azionario europeo. Molti di coloro che si dedicano a speculare in Borsa operano proprio sul DAX.

Come abbiamo avuto modo di sottolineare nelle righe che precedono, uno dei modi più efficienti per operare con il DAX è l’utilizzo dei CFD, che consentono di accedere ad ampie porzioni di mercato per investimenti relativamente piccoli. Il potere della leva finanziaria ti permetterà anche di moltiplicare i tuoi profitti ma… è in questo caso fondamentale proteggersi dai relativi rischi!

Se vuoi iniziare con il piede giusto la tua avventura finanziaria con il trading sul DAX, ti consigliamo:

  • aprire un conto di trading presso uno dei migliori broker CFD in circolazione. Noi ti consigliamo eToro (sito ufficiale), Investous (sito ufficiale) o Trade.com (sito ufficiale);
  • allenati un po’ usando un conto demo, che possa permetterti di migliorare la conoscenza con la piattaforma di trading e sperimentare la tua strategia in completa sicurezza;
  • leggi e apprendi tutto il materiale di formazione che trovi nei siti internet dei broker sopra citati.

Non ci rimane che augurarti buon trading, invitandoti a condividere le tue riflessioni e le impressioni con il nostro staff e con i nostri lettori usando lo spazio dei commenti che trovi qui sotto!

Il nostro punteggio
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]
Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.