Le principali borse mondiali: top 10 per capitalizzazione

Investire sulle principali borse mondiali è un’opportunità alla portata di tutti. Bisogna saper scegliere le azioni giuste, gli strumenti giusti per operare e bisogna scegliere correttamente anche le piazze dove sono quotati i titoli.

Operare su Borse ad elevata capitalizzazione garantisce che non ci siano trappole per tori e che la liquidità sia anche sempre abbondante. Questo è un fattore cardine per investire in azioni in quanto consente di avere sempre la possibilità di piazzare ordini a mercato.

Principali borse mondiali – riepilogo:

🌎 Principali borse USA:NYSE, Nasdaq
🌏 Principali borse Asia:Hong Kong, Shanghai
🌍 Principali borse Europa:Euronext, LSE, Milano
💰 Come investire:Acquisto diretto o trading CFD
📍 Dove investire:eToro / XTB / Plus500 / Capex

Certo, per non essere influenzato direttamente da questi fattori puoi sempre operare con strumenti derivati (come i CFD che vedremo nelle prossime righe) ma, qualunque sia la tua strategia, se la liquidità è abbondante, il mercato si comporta in maniera più fluida e quindi è estremamente più semplice fare previsioni.

Per questo motivo conviene operare esclusivamente sulle principali Borse mondiali, lasciando perdere invece le Borse a bassa capitalizzazione.

Non è un caso che tutti i migliori broker (come eToro) consentano il trading sui titoli delle principali Borse mondiali.

Non solo: su eToro puoi scegliere tra acquisto diretto, trading CFD e Copy Trading, perfetto per copiare le operazioni di trader più esperti di te e ottenere i loro stessi risultati (in rapporto al capitale investito).

Clicca qui per registrarti su eToro

La capitalizzazione di Borsa

Prima di cominciare la nostra trattazione vediamo in che modo abbiamo classificato le Borse. Abbiamo preso in considerazione il parametro più significativo e cioè la capitalizzazione della Borsa. Come si ottiene questo valore?

Si ottiene sommando la capitalizzazione di tutte le aziende quotate. Per capitalizzazione di un’azienda quotata si intende il valore dell’azienda espresso in un dato momento dal mercato, calcolato moltiplicando il numero totale di azioni per la quotazione dell’azione stessa.

E’ evidente che la capitalizzazione di una Borsa varia istante per istante. E’ vero che il numero di azioni varia solo in condizioni specifiche (aumento di capitale) ma il valore delle azioni come sappiamo è estremamente volatile. Dunque per calcolare la capitalizzazione di una Borsa abbiamo fissato una data specifica.

Avremmo potuto utilizzare un altro parametro? Sì, l’altro parametro utilizzabile per stilare la classifica delle principali borse mondiali sarebbe stato il volume degli scambi, giornalieri o totali. Tuttavia si vede facilmente che i risultati sarebbero stati identici. Qualunque altro parametro, invece, non sarebbe significativo.

Le principali borse mondiali per capitalizzazione

Facciamo ora un elenco delle 10 principali borse mondiali per capitalizzazione. Si noti che si tratta di dati in costante aggiornamento, ma che in genere non cambiano la classifica generale che vede sempre queste borse ai primi posti.

NYSE Euronext

Al primo posto della nostra classifica, con una capitalizzazione di 16.918 miliardi di dollari USA c’è il NYSE, la Borsa di New York.

L’acronimo sta infatti per New York Stock Exchange: Il volume delle transazioni azionarie di questo mercato è davvero impressionante e rappresenta davvero il sogno del giocatore di Borsa. La capitalizzazione è così elevata per il numero di titoli quotati al suo interno, appartenenti a società statunitensi e non solo (le azioni estere incidono in buona parte sulla capitalizzazione totale).

Oggi il NYSE detiene il primato mondiale per volume di scambi, nonostante sia “solo” seconda per numero di azioni quotate.

Euronext

Euronext è la società di riferimento per quanto riguarda gli indici borsistici europei. In passato è stata protagonista di una fusione con il NYSE, prima di tornare a volgere le proprie attenzioni al Vecchio continente.

Tra i vari mercati, Euronext controlla anche le piazze di:

Ecco la time line dell’Euronext:

  • 2000: Euronext NV nata dalla fusione delle borse di Parigi, Bruxelles e Amsterdam.
  • 2002: Euronext acquista LIFFE e la borsa portoghese.
  • 2005: Creazione di Alternext.
  • 2007: Euronext si fonde con la Borsa di New York per creare NYSE Euronext.
  • 2010: Creazione di Euronext Londra.
  • 2013: La Borsa Intercontinentale (ICE) acquista il NYSE Euronext.
  • 2014: Euronext riemerge dall’ICE attraverso un’offerta pubblica iniziale. (L’ICE mantiene la proprietà della Borsa di New York e del LIFFE).
  • 2020: Euronext acquisisce Borsa di Milano e l’indice di riferimento FTSE-MIB dalla London Stock Exchange.

Nasdaq

La nostra classifica prosegue con il NASDAQ, acronimo di National Association of Securities Dealers Automated Quotation. Il NASDAQ è un famoso esempio di mercato completamente elettronico, in pratica è una Borsa che funziona con una rete di computer. E’ famoso perché le principali aziende tecnologiche e innovative preferiscono quotarsi sul NASDAQ piuttosto che sul NYSE.

Il NASDAQ è la più grande borsa valori elettronica del mondo, e la seconda più grande degli Stati Uniti, dopo la Borsa di New York. Fondato nel 1971 come successore di OTC curb trading, il NASDAQ ha il più alto volume di scambi di qualsiasi borsa al mondo, il che tipicamente si traduce in un ambiente di trading più volatile rispetto alla maggior parte delle borse tradizionali. Nel giugno 2006, il NASDAQ è stato riconosciuto come borsa valori dalla SEC.

Ora una società a sé stante, il NASDAQ, Inc. era originariamente di proprietà della National Association of Securities Dealers, che alla fine si è fusa con il consiglio di regolamentazione del NYSE per diventare la Financial Industry Regulatory Authority.

Oltre al mercato azionario del NASDAQ, dal 2018, il NASDAQ, Inc. è anche proprietario e gestore di diverse borse valori in Europa, tra cui la Borsa Armena, la Borsa di Copenaghen, la Borsa di Islanda, la Borsa di Riga e la Borsa di Tallinn. NASDAQ, Inc. possiede e gestisce anche il NASDAQ OMX Group, che possiede e gestisce le borse valori di Helsinki, Stoccolma e Vilnius in Lituania.

Borsa di Tokyo

Al quarto posto della classifica vi è la Borsa di Tokyo (Kabutocho in giapponese). E’ una borsa davvero molto grande con una capitalizzazione che supera abbondantemente i 3.000 miliardi di dollari USA e con più di 2.300 società quotate.

E’ anche una Borsa molto antica visto che è stata fondata nel 1878. In ogni caso a partire dal 1999 è stata completamente automatizzata e oggi è possibile operare solo in maniera elettronica. Per la stagnazione che ha colpito il Paese negli ultimi 20 anni, la Borsa di Tokio ha subito un certo declino ma rimane senza dubbio una delle più importanti al mondo.

L’indice di riferimento è il Nikkei.

Borsa di Londra

Proseguiamo con la Borsa di Londra, la London Stock Exchange (LSE). Parliamo di una delle principali piazze finanziarie europee e mondiali, che in passato è stata aggregata con Borsa Italiana, prima di cederla ad Euronext nel 2020.

L’indice principale del LSE è il FTSE100, prossimo a compiere 40 anni essendo nato il 3 gennaio 1984. Al suo interno sono quotate le prime cento società a maggiore capitalizzazione quotate alla Borsa londinese

Borsa di Hong Kong

Al sesto posto c’è la Borsa di Hong Kong (Hong Kong Stock Exchange) che rappresenta un punto di riferimento di primaria importanza per tutta l’area asiatica, non solo per la Cina. In effetti fin dai tempi della dominazione britannica, Hong Kong è stata una piazza importantissima, anche per il clima di libertà finanziaria che vi si respira.

L’indice di riferimento per la borsa di Hong Kong è l’Hang Seng.

Borsa di Shangai

Al settimo posto, con una capitalizzazione totale di 2.547 miliardi di dollari USA vi è la Borsa di Shanghai (Shanghai Stock Exchange) che è la piazza finanziaria di riferimento per la Cina. Come si vede, la Cina ha di fatto due borse, una quella di Hong Kong più rivolta al mercato internazionale di capitale e una, quella di Shangai, più rivolta alle esigenze interne.

Dobbiamo sottolineare che la Borsa di Shangai è davvero molto giovane, forse la più giovane tra quelle presenti nella classifica, visto che è stata fondata solo nel 1990 per far fronte alle esigenze finanziarie dovute alla vorticosa crescita cinese.

L’indice di riferimento per la borsa di Shanghai è il SSEC.

Borsa di Toronto

La Borsa di Toronto (Toronto Stock Exchange) ha 2.059 miliardi di dollari USA di capitalizzazione.

Come è facile intuire, parliamo della principale borsa valori canadese, fondata nel 1852. Nei primi anni 2000 la sua capitalizzazione non poteva reggere il confronto con i primi posti della classifica, ma la TSX vantava comunque al suo interno 1500 aziende quotate.

Le compagnie più presenti appartengono ai settori minerario ed energetico.

Borsa di Francoforte

La Borsa di Francoforte ha fatto registrare 1.486 miliardi di capitalizzazione. Qui siamo davanti ad un mercato atipico, definito mercato secondario ufficiale, dove avviene la negoziazione esclusiva delle azioni e valori convertibili o diritti di acquisizione o sottoscrizione.

Nata nel 1585, oggi la Borsa di Francoforte è il più grande mercato finanziario della Germania. Il suo indice di riferimento è il DAX, che sintetizza l’andamento delle società a maggiore capitalizzazione presenti nella borsa tedesca.

Borsa australiana

La Borsa Australiana (Australian Securities Exchange) vanta 1.387 miliardi di capitalizzazione.

Con sede a Sydney, questo mercato è il più importante del continente oceanico e il suo principale indice, l’S&P/ASX 200 (XJO), sintetizza a dovere l’andamento dell’economia interna grazie alle prestazioni delle 200 società più capitalizzate quotate in borsa.

Borsa di Bombay

Ultimo posto per la Borsa di Bombay (Bombay Stock Exchange) con 1.263 miliardi di capitalizzazione.

Borse e indici

Molto spesso coloro che giocano in Borsa confondono il concetto di Borsa con quello di indice. In effetti una Borsa può essere rappresentata da un indice che è una misura statistica del valore dei titoli quotati che serve a determinare una performance complessiva.

Ad esempio, la Borsa di Milano può essere rappresentata dall’indice MIB. Tuttavia è opportuno ricordare che su una Borsa possono essere calcolati molti indici (indici per settori, per capitalizzazione, ecc…).

Come investire sulle principali borse mondiali?

Sulle borse mondiali si può investire facilmente, a patto di usare un intermediario adatto.

La prima cosa da guardare è la regolamentazione: se il broker non è in possesso di alcuna licenza rilasciata dagli organi di vigilanza come Consob o CySec, meglio girare alla larga.

Successivamente, puoi valutare se preferisci un broker che ti permetta di investire in azioni o indici (gli asset offerti dalle principali borse mondiali) attraverso:

  • acquisto diretto
  • trading CFD

Nel primo caso, l’acquisto diretto, parliamo di investimenti a lungo termine, legati al rialzo delle azioni. Non potrai invece investire in indici, perché per struttura non sono direttamente acquistabili.

Con i CFD facciamo riferimento a strumenti derivati (regolamentati) che replicano l’andamento dell’asset e permettono quindi di investire sia al rialzo, sia al ribasso, senza bisogno di acquistare i titoli.

I CFD ti permettono inoltre di investire sugli indici, in maniera immediata e intuitiva.

L’unica piattaforma ad offrirti entrambe le alternative è, come anticipato, eToro (clicca qui per aprire un conto di prova gratis). Non a caso è uno dei broker più consigliati, perché è molto sicuro e affidabile oltre che estremamente vantaggioso per gli spread applicati.

Come alternativa, sempre ottima per i principianti, si consiglia di utilizzare XTB, un broker davvero eccezionale: autorizzato e regolamentato da CySEC, è da sempre il più generoso in termini di rendimenti. Per aprire subito un conto, clicca qui. Qui però non troverai opzioni di acquisto diretto ma solamente asset negoziabili attraverso i CFD.

Con XTB o eToro è possibile operare in sicurezza su tutte le principali borse mondiali. Da notare che si tratta di broker che non applicano commissioni sull’eseguito e sono completamente regolamentati.

Dove investire nelle principali borse mondiali

Presentiamo 4 broker per investire subito nelle borse valori mondiali di cui abbiamo parlato. Questi intermediari sono ottimi perché non impongono commissioni e perché aiutano i principianti a capire che significa davvero investire.

eToro

Grazie ai servizi del broker eToro (visita il sito ufficiale qui) oggi iniziare a investire in borsa è più semplice che mai. Il broker ha una piattaforma pensata apposta per essere usata da chiunque: principianti e professionisti.

WebTrader di eToro, questo il nome della piattaforma del broker, è famosa per la funzione Social Trading. Permette, cioè, agli utenti di essere in contatto attraverso bacheche e profili simili a Facebook.

Per di più su eToro esiste una funzione molto speciale che ne ha fatto il broker più popolare al mondo: il copy Trading. Ma di cosa si tratta esattamente? Il Copy Trading è una semplicissima funzione che permette agli iscritti di eToro di copiare investimenti fatti da altri trader.

Basta scegliere un investitore da copiare, selezionare il capitale che si intende investire e cliccare sul pulsante COPIA sul profilo del trader prescelto. Cosa accade dopo?

Si può scegliere se:

  • Iniziare a copiare già a partire dalle operazioni aperte in questo momento.
  • Si può scegliere di copiare solo a partire dalle nuove operazioni effettuate dal trader da quel momento in poi.

Il sistema funziona davvero ed è 100% legale. Sono molti gli investitori che ottengono ottimi rendimenti grazie a eToro e questo spiega il successo del broker, con oltre 20 milioni di utenti nel mondo. Scegliere eToro quindi, è la soluzione ideale anche per chi si preoccupa della gestione del rischio nel trading: se è un investitore esperto a fare operazioni al posto tuo corri meno rischi!

Iscriviti a eToro gratis qui e prova il Copy Trading.

XTB

Come alternativa ad eToro abbiamo pensato di parlare di XTB. Si tratta di un broker molto qualificato per gli investimenti di borsa e sull’azionario, infatti XTB ha una piattaforma che comprende molti indici e titoli selezionabili per investire.

Per scoprire l'offerta di trading di borsa di XTB clicca qui.

Quello che piace molto agli utenti di XTB è anche la possibilità di ricevere assistenza a livello di formazione. Milioni di persone si sono iscritti al corso sugli investimenti di XTB perché è di altissima qualità, accessibile a tutti e soprattutto gratis.

Clicca qui per iscriverti al corso di XTB

Capex

Capex è un broker sicuro e regolamentato, grazie al quale potrai investire in azioni o indici con CFD privi di commissioni.

Tra i suoi punti di forza troviamo:

  • Capex Academy, un corso base per imparare a fare trading riducendo al minimo i rischi.
  • Trading Central, delle notifiche che ti segnalano le migliori occasioni di investimento con indicazioni sul come, dove e quando investire. Questo migliora di molto le performance di investimento.
  • Bloggers Opinion, perfetto per monitorare il sentiment di mercato e osservare su cosa investono i migliori trader al mondo (e soprattutto con quali risultati), così da adeguare le tue strategie alle loro.

Tutti i servizi di Capex sono totalmente gratuiti per gli iscritti al broker. Se lo desideri puoi anche attivare un conto demo gratuito, per prendere confidenza con la piattaforma senza alcun rischio.

Clicca qui per provare gli strumenti di Capex

Plus500

Abbiamo poi Plus500 un broker di fama mondiale, anch’esso famoso soprattutto per il trading di indici e azioni mediante un servizio CFD. Ricordiamo che Plus500 stesso è una piattaforma di proprietà di una società quotata in borsa! Parliamo quindi di grandissimi esperti.

Plus500 è un broker talmente importante da essere da anni lo sponsor ufficiale dell’Atletico Madrid, una squadra che disputa ogni anno la Champions. Questo la da dimensione dell’importanza e dell’affidabilità di Plus500.

Per scoprire gli asset disponibili su Plus500, clicca qui, registrati gratis e approfitta della sua offerta.

Principali borse mondiali

Conclusioni sulle principali borse mondiali

Ora che conosci le principali borse mondiali, non lasciarti sfuggire l’occasione di investirci. Si tratta di un’occasione unica e aperta a tutti, infatti, con piccoli capitali o grandi che siano l’accesso è garantito.

Le principali borse mondiali sono aperte ogni giorno per permettono di negoziare sia attraverso le banche sia attraverso i broker presentati. Tuttavia, i broker che abbiamo analizzato sono l’alternativa migliore di gran lunga, per sicurezza, costi e supporto ai trader (a prescindere dalla loro esperienza).

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita
  • Corso Gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capex
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Formazione gratuita
  • Consulente personale
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: markets
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Trend dei Traders
  • Sicura e affidabile
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    72,30% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

     

    Quali sono le principali borse mondiali?

    Analizzando la capitalizzazione, ai primi posti troviamo il NYSE, Euronext e il NASDAQ.

    Borsa Italiana fa parte delle principali borse mondiali?

    Essendo parte del gruppo Euronext, contribuisce alla capitalizzazione della Borsa. Individualmente però non ha un grande peso specifico.

    Come investire sulle principali borse mondiali?

    Gli strumenti derivati, come i CFD, sono la soluzione più adatta per investire in indici. Per quanto riguarda le azioni, invece, si può prendere in considerazione anche l’acquisto diretto.

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]