Nuove criptovalute: quali sono e come fare trading

Il Bitcoin è solo la punta dell’iceberg quando si parla di valute digitali. Chi vuole fare trading in maniera efficace, deve infatti prendere in considerazione anche le nuove criptovalute, che sono molte e tutte diverse. Se vuoi sapere qualcosa di più in merito, seguici nelle prossime righe e scopri la guida che abbiamo creato sul tema, con consigli specifici per fare trading in maniera sicura ed efficace grazie a broker legali e semplici da utilizzare.

Nuove criptovalute su cui investire: ecco quali sono

Quali sono le nuove criptovalute da prendere in considerazione oltre al Bitcoin? L’elenco completo sarebbe lunghissimo. Di criptovalute, infatti, si parla ormai dal 1998 e il Bitcoin è solo la più famosa. In generale, però, è possibile individuare alcune valute digitali caratterizzate da una capitalizzazione maggiore rispetto alle altre.

Quali sono? Ecco le principali:

  • Bitcoin Cash
  • Ethereum
  • Ripple

Vediamo, nel dettaglio, le caratteristiche di ciascuna e le dritte per fare trading con success.

Bitcoin Cash

Criptovaluta frutto dell’hard fork di Bitcoin (utilizzo di una parte del codice di programmazione originario per creare un sistema a parte), esiste dall’estate 2017 e si differenzia dalla criptovaluta creata da Nakamoto per via di una blockchain a sé e per le dimensioni dei blocchi, pari a 8 Megabyte. Quali sono i consigli per fare trading in maniera efficace? Il primo consiste nel fare riferimento a broker seri. Tra questi, è possibile ricordare Plus500 (clicca qui per visitare il sito), una piattaforma online dal 2008. Caratterizzata da una notevole immediatezza di utilizzo, è perfetta anche per chi è alle prime armi con il trading online, sia con le criptovalute sia con altri asset.

Un’altra alternativa interessante per fare trading con Bitcoin Cash è Markets.com. Questo broker è famoso soprattutto per via della qualità dei suoi sussidi formativi, tutti gratuiti e disponibili anche in caso di iscrizione con il conto demo. Markets.com permette inoltre di usufruire di un ottimo customer care, che comprende, cosa non frequente, anche la lingua italiana. Clicca qui per aprire un conto con Markets.com >>

nuove criptovalute su cui investire

Plus500 è uno dei broker migliori per il trading sulle nuove criptovalute

Ethereum

Quando si parla di nuove criptovalute è necessario, per forza di cose, citare Ethereum. In questo caso, più che di criptovaluta, si parla di una piattaforma del web 3.0 nata con lo scopo di diffondere gli smart contracts. Cosa sono di preciso? Applicazioni che vengono eseguite esattamente come sono state programmate, senza alcun blocco o interferenza esterna di qualsiasi tipo.

Gli smart contracts si prestano a numerose applicazioni. Si possono utilizzare per i contratti di locazione, ma anche per i sistemi elettorali e il crowdfunding. Ideata nel 2013 dal giovanissimo programmatore Vitalik Buterin, intenzionato a migliorare il codice script di Bitcoin, Ethereum ha fatto il grande salto con due ICO nell’estate 2014. Quali sono i consigli per farci trading?
Anche in questo caso, è possibile chiamare in causa alcuni broker di qualità. Ricordiamo sempre Plus500 e citiamo anche eToro. A tal proposito, è bene aprire una parentesi. eToro, infatti, non è un broker come tutti gli altri. La sua caratteristica principale è infatti l’approccio social. Online dal 2007, permette a ogni singolo iscritto di disporre di un profilo gratuito, tramite il quale mettere in comune con gli altri utenti sia la strategia, sia i risultati. Alla luce di essi, i vari trader possono essere seguiti in qualità di guru da altri utenti che, a loro volta, replicano in maniera automatica le strategie e riescono a migliorare grazie a riferimenti di valore.

nuove criptovaalute

Ripple

Parliamo ora di una criptovaluta nata nel 2013. Per essere più precisi, con il termine Ripple si intende la rete mentre con la siglia XRP la valuta in sé. Basata sul progetto pen Coin e progettata con l’obiettivo specifico di colmare alcuni dei difetti del sistema Bitcoin, Ripple ottimizza i trasferimenti punto-punto. Questo si traduce in un interessante risparmio per le banche. Non a caso, molte istituzioni in giro per il mondo hanno adottato da tempo questo protocollo.

Come fare trading in maniera efficace su questa criptovaluta emergente e non decentralizzata? Anche in questo caso, è possibile chiamare a raccolta due broker famosi come Plus500 e Markets.com.

Migliori criptovalute 2018: ecco le altre

Quando si nominano le nuove criptovalute, come già detto, non è pensabile il fatto di limitarsi a Bitcoin Cash, Ethereum e Ripple. Ecco l’elenco delle altre:

  • Litecoin
  • NEM
  • Monero
  • Ethereum Classic
  • IOTA

Come gestirle dal punto di vista del trading? Considerando sempre i broker sopra ricordati, ma anche gli strumenti giusti per operare. Tra questi, ricordiamo prima di tutto i CFD. Cosa sono? I Contracts for Difference sono strumenti derivati. Il loro ruolo principale consiste nel replicare l’andamento dei vari asset, critpovalute comprese. Permettono di guadagnare dalle loro variazioni di prezzo e di fare profitti anche in caso di perdita di quota.

Tutte le piattaforme sopra elencate consentono di investire con i CFD e, in caso di poca dimestichezza con il trading, di aprire un conto demo tramite il quale esercitarsi.

Conclusioni

Le nuove criptovalute sono asset da tenere d’occhio. Permettono infatti di effettuare speculazioni anche interessanti, in quanto seguono il medesimo andamento di Bitcoin in linea di massima.

Quello che bisogna ricordare quando le si prende in considerazione, riguarda il rischio ineliminabile. Anche se ad operare è un trader bravissimo, il rischio rimane sempre in agguato. Come controllarlo? Prima di tutto con strategie come il Money Management, che prevede la divisione del capitale in più parti e il fatto di destinarne ciascuna a una diversa operazione. Molto importante è anche l’approccio psicologico. Ciò significa fare trading senza abbandonarsi a un ottimismo eccessivo ma neppure al più nero pessimismo. Bisogna mantenere lucidità, ricordando che i mercati sono imprevedibili e che, ribadiamo, il trading online non è mai una garanzia di successo, il che significa diffidare di chiunque dica il contrario, promettendo, da un giorno all’altro, mirabilie e guadagni stratosferici grazie a Bitcoin e altre criptovalute.