Alternative alle opzioni binarie: ecco cosa sapere sul trading CFD

Chi vuole fare trading al giorno d’oggi, deve considerare le alternative alle opzioni binarie. Il motivo è molto semplice: lo scorso 29 marzo 2018, l’Emsa (Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati) ha dichiarato che ben presto vieterà la promozione delle opzioni binarie agli utenti non aziendali.

Un pronunciamento di questo tipo era atteso da tempo. Per molti rappresenta la fine di qualsiasi dubbio in merito ai vantaggi dei CFD (Contracts for Difference), strumenti derivati che ormai hanno rivoluzionato il modo di approcciarsi al trading online. Grazie ad essi, infatti, è possibile operare tutelandosi dai rischi della volatilità.

In questa guida sulle alternative alle opzioni binarie analizzeremo:

  • cosa sono i CFD
  • perché dovresti sceglierli al posto delle opzioni binarie
  • quali sono le migliori piattaforme ad offrirli

In questo articolo parleremo anche dei migliori broker per CFD. Abbiamo selezionato quelli in assoluto più semplici da utilizzare, proprio perché chi utilizzava le opzioni binarie era un trader che preferiva la semplicità.

Tra i broker CFD più semplici da utilizzare ricordiamo eToro, l’unico broker che consente di copiare, in modo completamente automatico, quello che fanno i trader migliori del mondo.

Puoi iscriverti gratis a eToro cliccando qui.

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: obrinvest
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Opzioni binarie e CFD: le principali differenze

    Per capire come mai i CFD sono le migliori alternative alle opzioni binarie, è il caso di analizzare la differenza tra i due strumenti. Partiamo dai CFD (Contracts for Difference). Questi strumenti derivati, che hanno dei punti in comune con i futures, permettono al trader di operare replicando l’andamento dei vari asset.

    In questo caso, a differenza di quanto accade quando si ha a che fare con le opzioni binarie, l’esito economico delle operazioni è direttamente proporzionale al valore dell’asset replicato dal contratto per differenza.

    Per quanto riguarda le opzioni binarie, invece, è il caso di ricordare che non si tratta di prodotti a leva. Esse, inoltre, hanno una scadenza. Per questo motivo il trader è tenuto a prendere una decisione entro un determinato intervallo di tempo.

    Per completare il quadro, ricordiamo che esistono diverse tipologie di opzioni binarie. Ecco quali:

    • Opzioni binarie alto/basso: in questo caso, il trader è tenuto a scegliere tra l’aumento del valore dell’asset o la sua diminuzione. Il tutto, ovviamente, deve essere definito entro una determinata scadenza.
    • Opzioni binarie coppia: in questo frangente, vengono messi a confronto due diversi asset. Il compito del trader è capire quale dei due concretizzerà la performance migliore.

    Per concludere il quadro sulle peculiarità dei due strumenti, ricordiamo che le scadenze delle opzioni binarie sono pari a 30, 60 e 120 secondi.

    Leggi anche: Trading Online Forum.

    Opzioni binarie recensioni: cosa sapere

    Nel corso del tempo, le opzioni binarie hanno subito un calo di popolarità. Considerate da alcuni esperti di trading più una forma di gambling che una soluzione per investire, sono state man mano scalzate dai CFD.

    Acronimo di Contracts for Difference, questi strumenti derivati hanno conquistato il favore dei trader per diversi motivi. Sono considerati le principali alternative alle opzioni binarie prima di tutto perché sono molto semplici. Il trader, infatti, ha davanti sostanzialmente due scelte.
    Può scegliere se aprire una posizione long o una short, questo a seconda delle sue previsioni sull’andamento dell’asset (previsioni forex). Non c’è scadenza e si può guadagnare sia in un caso, sia nell’altro. Basta infatti aprire la posizione giusta tra le due.

    I CFD, inoltre, sono estremamente economici. L’unico onere da considerare quando si analizzano le loro caratteristiche è infatti lo spread, ossia la differenza tra bid e ask.

    Possono essere gestiti senza particolari difficoltà dai principianti, ma hanno un rovescio della medaglia di importanza non indifferente. Si tratta della leva finanziaria. Questo moltiplicatore permette di operare sul mercato con una cifra più alta rispetto a quella depositata. Fino a qui tutto sembra normale e, per certi versi, anche vantaggioso.

    Bisogna però fare attenzione, dal momento che la leva amplifica sia le perdite, sia i guadagni. Per questo motivo, è necessario che il trader abbia confidenza estrema con i meccanismi di stop loss, grazie ai quali il broker arresta le perdite una volta raggiunto un determinato livello.

    CFD: gli altri vantaggi

    I vantaggi dei CFD non finiscono certo qui. Da ricordare, per esempio, è la possibilità di utilizzarli su tutti gli asset. Molto importante è anche specificare che vengono messi a disposizione da diversi broker, che consentono di fare trading in maniera rapida e semplice, aprendo e chiudendo posizioni in pochi minuti e, in alcuni casi, in qualche secondo.

    Tra queste piattaforme è possibile ricordare IqOption. Caratterizzata da un’immediatezza ottima per chi vuole fare trading online in maniera semplice, permette di iniziare con un deposito iniziale molto basso, pari a soli 10 euro. Nessun altro broker consente di iniziare la propria esperienza con una cifra così bassa.

    IqOption permette di aprire un conto demo senza denaro reale. Grazie a questo importante ausilio, si ha modo di impratichirsi con le caratteristiche della piattaforma e dei vari asset senza mettere subito a rischio il capitale. Broker CFD regolamentato a livello internazionale, IqOption permette di fare trading anche in mobilità. Il broker, infatti, ha un’app dedicata molto apprezzata dagli utenti.

    Migliori piattaforme trading CFD: cosa sapere su OBRinvest

    Quando si parla di alternative alle opzioni binarie, è necessario chiamare in causa pure il broker OBRinvest. Regolamentato anch’esso, permette di fare trading CFD, di aprire un conto demo e di usufruire dei segnali di trading, linee guida che permettono di ottimizzare le decisioni da prendere in merito alle operazioni.

    alternative alle opzioni binarie

    Molto importante è anche parlare delle consulenze telefoniche, che vengono rilasciate agli utenti da parte di esperti in trading online. Sia nel caso dei segnali, sia nel caso delle consulenze telefoniche, si parla di gratuità.

    Queste peculiarità rendono OBRinvest un broker perfetto per chi vuole il massimo della qualità dal punto di vista della formazione nel trading online.

    OBRinvest (clicca qui per aprire oggi un conto di trading) >>

    Fare trading con i CFD su eToro

    I CFD sono le principali alternative alle opzioni binarie. Per sfruttarne i vantaggi, è necessario trovare i broker giusti. Nel novero in questione, è senza dubbio possibile includere eToro. Noto per il suo approccio social, questo broker permette di copiare automaticamente i trader che ottengono i risultati migliori, i cosiddetti guru.
    In questo modo, chi viene seguito guadagna, mentre chi segue ha la possibilità di migliorare partendo da basi molto concrete e da risultati verificabili. eToro mette a disposizione una forma di trading automatico che funziona veramente e che genera profitti. Attenzione che ci sono anche dei sistemi truffaldini, come ad esempio Bitcoin Evolution, che invece non funzionano e fanno perdere soldi.

    Dotato di regolare licenza CySEC e disponibile in numerose lingue oltre all’italiano, questo broker consente di fare trading CFD su diversi asset, dalle criptovalute, fino alle azioni. eToro, inoltre, dà modo di operare tramite app dedicata e di fare trading in mobilità.

    eToro: clicca qui per aprire un conto demo gratuito >>

    Opzioni binarie e truffe

    L’ESMA ha vietato le opzioni binarie per i clienti non professionali (la lobby dei trader professionisti è riuscita a mantenere il diritto di fare trading con le binarie). Come mai questa decisione? Semplicemente perché le opzioni binarie sono state utilizzate in modo massiccio per le truffe.

    A truffare, ovviamente, erano i broker non autorizzati, che operavano al di fuori di qualunque contesto normativo o autorizzativo.

    Questi broker fasulli di opzioni binarie hanno rubato miliardi di dollari in tutto il mondo. Alla fine le autorità sono intervenute e hanno vietato completamente le binarie.

    Il bello è che gli stessi broker che facevano truffe continuano a farle: a smettere di operare sono stati solo i broker autorizzati e regolamentati che, guarda caso, non truffavano.

    Effettivamente la decisione delle autorità di vietare completamente le opzioni binarie per salvare i clienti dalle truffe ha avuto un effetto assolutamente controproducente: alla fine ha tolto la possibilità agli appassionati di opzioni binarie di fare trading in maniera legale (a meno di non essere dei professionisti del trading).

    Molti trader che operavano con broker legali e sicuri sono stati costretti a cadere nelle mani dei broker illegali per continuare a fare trading binario.

    Le truffe ci sono anche con i CFD e, come al solito, sono i broker non regolamentati ad essere pericolosi. OBRinvest non è una truffa perché è regolamentato. Ma chi fa trading CFD con un broker non regolamentato di solito viene truffato.

    Leggi anche: Bitcoin System

    Conclusioni

    Le opzioni binarie non sono più disponibili in Europa dal 2018, almeno per i trader non professionisti. La decisione delle autorità è scaturita dall’elevato numero di truffe ma c’è da dire che a truffare erano i broker non regolamentati.

    I broker regolamentati non hanno mai truffato i clienti. Per quanto riguarda le alternative alle opzioni binarie, i CFD ormai sono semplici da utilizzare, anche per i principianti.

    Nell’articolo abbiamo parlato di due dei migliori broker per CFD, eToro e OBRinvest

    Quali sono le migliori alternative alle opzioni binarie?

    I CFD sono ad oggi lo strumento più conveniente per fare trading online.

    Perché i CFD sono una buona alternativa alle opzioni binarie?

    Perché sono strumenti privi di commissioni e che permettono di investire sia al rialzo, sia al ribasso.

    Cosa sono i CFD?

    Si tratta di strumenti derivati che replicano l’andamento di un asset sottostante.

    Quali sono le migliori piattaforme per investire con strumenti alternativi alle opzioni binarie?

    eToro e OBRinvest sono oggi la prima scelta per chi vuole dedicarsi al trading online.