Value Investing: guida completa per principianti

Il Value Investing è una tecnica di investimento, proposta per la prima volta da Benjamin Graham, che punta a selezionare le azioni da comprare in base al loro effettivo valore e non a proiezioni e speculazioni.

Si contrappone all’approccio chiamato Growth Investing che invece punta a ottenere il massimo valore possibile comprando azioni che hanno un potenziale di crescita superiore al loro valore. Il fatto che gli approcci siano diversi non implica che non possono essere usati entrambi, come di solito fanno gli investitori più smaliziati.

In questo articolo spieghiamo a fondo cos’è il Value Investing e come ottenere il massimo profitto nel 2022. Spieghiamo anche quali sono gli strumenti migliori che gli investitori hanno oggi a disposizione per investire senza errori.

Per fare un esempio, parliamo della piattaforma eToro che consente di copiare quello che fanno altri investitori della piattaforma.

Grazie a eToro anche un principiante può ottenere gli stessi rtendimenti di un trader con maggiore esperienza (in rapporto al capitale investito) e, se vuole, può persino imparare a fare value investing, osservando in diretta quello che fanno gli altri.

Puoi iscriverti su eToro cliccando qui.

Value investing – Riepilogo

📈 Strategia

Quali azioni comprare

💰 Decisioni basate su

Valore effettivo

👍 Tipologia

Lungo termine

🎯 Come iniziare

Copiando con eToro

📚 Corso investimenti

Corso gratuito XTB

Value Investing cos’è

Il value investing è una strategia di investimento basata, come suggerisce il nome stesso, sul confronto tra valore reale di un’azione e il suo valore attuale di mercato.

Il punto fondamentale da cui parte il Value Investing è il criterio con cui si decide quali azioni comprare per investire in Borsa: l’idea è quella di valutare con cura il valore effettivo di un’azione e decidere poi se vale la pena o meno comprare quell’azione.

In pratica, il Value Investing suggerisce di comprare azioni che abbiano un prezzo più basso del loro valore effettivo attuale, delle azioni sottovalutate, senza tenere in considerazione quelle che sono le opportunità di crescita futura.

Come si fa a calcolare il valore effettivo di un’azione? Esistono due elementi fondamentali da tener presente:

  1. Il valore contabile dell’azione,
  2. Utile corrente

Per calcolare il valore contabile dell’azione bisogna considerare il valore di libro dell’azienda, escludendo però tutte le immobilizzazioni immateriali che di solito hanno una valutazione soggettiva. Ovviamente il valore di libro così calcolato va diviso per il numero di azioni emesse.

Value Investing formula

Esistono approcci più facili da calcolare, anche per l’investitore meno esperto. Una delle formule alla base del Value Investing è la formula di Graham:

V= EPS x (8,5 + 2g)*(4.4/rAAA)

V è il valore intrinseco dell’azione, EPS è il guadagno atteso secondo gli analisti, 8,5 è il rapporto prezzo/utili (se l’azienda è a crescita nulla) e g è il valore della crescita dell’azienda.

Successivamente troviamo 4,4 che è il ritorno minimo dell’investimento per contrastare gli effetti dell’inflazione e rAAA, cioè il rendimento su un’obbligazione corporate trentennale dell’azienda, con rating AAA.

Se V è più grande della quotazione attuale, allora conviene comprare, altrimenti potrebbe essere il caso di valute se vendere o meno.

Tutti i dati che permettono di calcolare la formula di Graham per il value investing sono facilmente reperibili dai grafici e dalle analisi di prezzo disponibili sulle varie piattaforme di investimento.

Come fare Value Investing

Che cosa significa fare Value Investing nella pratica? Significa soprattutto concentrarsi sui valori reali ed effettivi delle aziende quando si investe in azioni.

Per avere successo con questo approccio è veramente fondamentale imparare a controllare le emozioni. Il momento migliore per comprare titoli sottovalutati si verifica durante un panic selling, cioè quando tutti gli altri stanno vendendo perché spaventati.

Allo stesso modo, il momento migliore per vendere è incassare i profitti si verifica quando il mercato sale in modo irrazionale e quindi gli altri investitori sono pronti a pagare le azioni molto più del loro effettivo valore.

Non tutti sono in grado di comprare quando il mercato crolla, ad esempio, perché è probabile che si debbano mettere in conto delle perdite, almeno nel brevissimo periodo. Allo stesso tempo, non tutti sono in grado di vendere quando il mercato sta vivendo un’esuberanza irrazionale, perché la natura umana è avida…

Dal punto di vista pratico, inoltre, è importante sottolineare come si può adottare un approccio qualitativo e non esclusivamente quantitativo.

Detto in altre parole, per decidere se comprare o no un’azione non serve nemmeno fare tanti calcoli, quando piuttosto valutare con attenzione la situazione attuale di un’azienda e le sue reali opportunità di mercato.

Per la cronaca, il più grande seguace di Benjamin Graham è il famoso Warren Buffett che è diventato uno degli uomini più ricchi del mondo investendo inizialmente pochi dollari e applicando la tecnica del Value Investing con un approccio più che altro qualitativo (senza nemmeno fare troppi calcoli matematici, insomma).

Chi può fare value investing?

Sicuramente il Value Investing è uno degli approccio più semplici da applicare, anche per chi non ha grandi capacità di analisi. Tutto sommato, quello che serve per fare Value Investing è un po’ di buon senso e, soprattutto, una forte autodisciplina per non cadere vittima del panico quando i mercati scendono o dell’avidità quando salgono.

Tuttavia, chi non ha mai investito e, magari, non ha famigliarità con la lettura di un bilancio potrebbe trovare alcune difficoltà anche nell’applicare il Value Investing.

Intendiamoci: niente è impossibile da imparare (e più avanti parleremo del miglior libro per imparare il Value Investing) ma per gli investitori davvero alle prime armi esistono delle scorciatoie più semplici per cominciare a giocare in Borsa senza perdere tempo e senza rischiare.

Dove fare value investing?

Un esempio? eToro.

Effettivamente eToro è la piattaforma preferita da molti di coloro che iniziano a investire. Non solo perché è priva di commissioni (l’unico costo è quello associato allo spread) e semplicissima da usare, ma soprattutto perché consente anche ad un principiante di iniziare a fare value investing in maniera potenzialmente redditizia fin da subito.

Come? Attraverso il Copy Trading, che permette (letteralmente) di copiare quello che fanno gli altri investitori.

Come funziona questo strumento innovativo di eToro? In realtà, non è difficile per l’utente. eToro ha sviluppato e brevettato un software che consente di trovare facilmente gli investitori che nel passato hanno ottenuto i rendimenti più interessanti con rischi minimi. Il software fornisce molte informazioni su questi investitori, ad esempio la propensione al rischio, le strategie adottate e i mercati preferiti.

L’utente di eToro può selezionare gli investitori che vuole copiare tra questi; sarà poi il software che copierà, in tempo reale, tutte le operazioni fatte da questi trader.

I benefici per l’utente sono doppi: ottenere da subito gli stessi rendimenti dei trader copiati (in rapporto al capitale investito) e può anche imparare a investire, osservando in diretta quello che fanno questi grandi investitori.

Ciò significa che anche se non hai grandi competenze in termini di value investing, puoi affidarti all’esperienza di chi invece lo mette in pratica già da tempo.

Puoi iscriverti su eToro cliccando qui.

Per completezza, dobbiamo segnalare che eToro è anche il più grande social network di investitori al mondo e consente di interagire direttamente con altri trader (tra cui molti con esperienza pluriennale).

Per un principiante che ha dei dubbi sul value investing, ad esempio, è molto più sicuro ed efficace cercare informazioni su eToro piuttosto che su un forum.

Senza dimenticare la possibilità di attivare un conto demo gratuito, perfetto per fare pratica senza rischi. In demo, infatti, il denaro utilizzato è esclusivamente quello virtuale messo a disposizione dal broker stesso.

Clicca qui per registrarti con un conto demo su eToro

Value investing libro

Il libro che ha reso famoso il Value Investing è L’Investitore Intelligente, pubblicato per la prima volta nel 1949 da Benjamin Graham. Si tratta di un vero e proprio capolavoro che ha insegnato a investire a parecchie generazioni di trader.

Alcuni di questi trader sono anche diventati (molto) ricchi, come il famoso Warren Buffett. L’Investitore Intelligente ha avuto un tale successo che nel corso dei decenni è stato aggiornato e ristampato più volte (l’ultima volta nel 2020).

Si tratta di un libro che tutti gli investitori dovrebbero leggere, non solo coloro che vogliono applicare il Value Investing.

Attenzione però: leggere questo libro non significa diventare immediatamente dei grandi investitori. Anzi. Il libro è ricchissimo di contenuti ma spesso non sono di facile comprensione, soprattutto per il lettore meno esperto.

Inoltre, malgrado il testo sia stato aggiornato e revisionato più volte nel corso dei decenni, i mercati si sono evoluti e quindi non sempre i concetti sono ancora applicabili.

Insomma, possiamo dedurre che è un libro che deve far parte della biblioteca di ogni investitore e trader (e aspiranti tali) ma non ha grande utilità pratica per chi ha bisogno di una guida che spiega, passo passo, come guadagnare con gli investimenti.

Value investing corso

Per un’infarinatura di stampo pratico, il nostro consiglio è quello di dare un’occhiata a ciò che XTB ha da offrire.

Parliamo della xStation Academy, una sezione formativa di altissimo livello, accessibile gratuitamente con una semplice registrazione sul sito ufficiale di XTB.

Questa Academy è strutturata in diverse sotto-sezioni, ognuna pensata per un livello specifico di preparazione. Partiamo dalle lezioni dedicate ai principianti, dove vengono spiegate le basi del trading, arrivando attraverso 4 livelli alle lezioni avanzate, che contengono tecniche e strategie di alto livello.

Le caratteristiche principali di questo corso sono:

  • è gratis – è vero che un libro costa poche decine di euro, ma ci sono corsi online per imparare a investire che costano migliaia di euro. E spesso non valgono quello che costano.
  • orientato alla pratica – l’Investitore Intelligente di Benjamin Graham è un libro teorico, ed è giusto che sia così. Purtroppo anche molti corsi per imparare a investire sono teorici ma un corso dovrebbe essere pratico. La guida di XTB spiega esattamente cosa fare, passo a passo, per investire con successo.
  • completo e aggiornato – ovviamente L’investitore Intelligente prende in considerazione una situazione dei mercati ormai obsoleta. Inoltre, fa più che altro degli esempi per far capire i concetti. Il corso di XTB è aggiornato alle condizioni di mercato attuali ed è completo.
  • facile da capire – un investitore alle prime armi può trovare difficoltò a leggere sia L’Investitore Intelligente che la maggior parte dei corsi a pagamento che si possono comprare su internet a causa de linguaggio tecnico. Il corso di XTB è veramente semplice da studiare, anche per un vero principiante.

In pratica, rappresenta il miglior sistema per cominciare a investire, anche partendo da zero, senza commettere errori. Il fatto

Puoi accedere gratis al corso di XTB cliccando qui.

Oltra al corso di trading di cui abbiamo appena parlato, con la registrazione al sito ci sono altri vantaggi. XTB infatti è un broker e chi si iscrive alla sua piattaforma ha anche il vantaggio di essere guidato al telefono, passo a passo, da un vero esperto di trading.

E’ anche possibile utilizzare un conto demo illimitato e senza vincoli, perfetto per fare pratica, disponibile con la semplice iscrizione gratuita.

Puoi iscriverti gratis su XTB cliccando qui.

Value Investing

Conclusioni

Il Value Investing è una tecnica di investimento, ideata da Benjamin Graham e spiegata nel famoso libro l’Investitore Intelligente.

La tecnica si basa sulla valutazione del valore effettivo delle azioni. La statistica dimostra che gli investitori che l’hanno utilizzata hanno ottenuto ottimi risultati nel corso degli ultimi decenni.

Uno degli esempi più famosi di investitori che usa il Value Investing è Warren Buffett.

Metterlo in pratica oggi è ancora possibile, a patto di fare affidamento su intermediari sicuri e regolamentati, come quelli che abbiamo analizzato nel corso di questo approfondimento:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita
  • Corso Gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Che cos’è il value investing?

    Una tecnica che consiste in investire in azioni considerando solo il valore attuale (utili e valore contabile).

    Che ha inventato il value investing?

    Benjamin Graham, autore del famoso libro L’Investitore Intelligente, pubblicato nel 1949 e ristampato più volte.

    Funziona l’approccio value investing?

    Le statistiche, calcolate sugli ultimi decenni, dicono che sì, i rendimenti sono molto positivi.

    Qual è la piattaforma consigliata per chi vuole iniziare a investire senza rischi?

    Probabilmente eToro che, tra le altre cose, consente anche di copiare quello che fanno altri investitori selezionati della piattaforma.

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]
    Lascia un commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.