Seleziona una pagina

Il trading online e l’economia reale

Il dibattito attuale ha come mordente costante il ruolo del denaro nell’economia reale, e la difficoltà a lubrificare quelle parti della macchina economica, in modo virtuoso alla creazione di un sentiero di sviluppo.

Vedere l’economia come un processo circolare ha condotto buona parte della teoria economica a sviluppare dei veri e propri capisaldi teorici sul circuito monetario, nonché per chi pone minore attenzione alle dinamiche quantitative, sulla circolazione monetaria.
Ciò è strettamente attinente anche al mondo della finanza speculativa, in quanto ci introduce in un mondo cognitivo, da sempre sfiorato: l’introduzione delle stanze di compensazione.Spieghiamoci meglio, adattando tali concetti al mondo della finanza speculativa.

Sono nati mercati Over The Counter o non regolamentati anche per permettere a trader non professionisti che non svolgano attività di raccolta fondi o risorse a ciò dedicati, di poter effettuare delle scelte tattiche e strategiche con un modico impiego di capitali. Introdotti accorgimenti tecnici ed optional che, a seconda delle regole del gioco imposte da ogni broker, il singolo investitore può scegliere (leva finanziaria, meccanismo di stop loss). Chiaramente, ogni piccola regola va sempre capita a fondo per poterla adoperare al meglio. Ma il fatto che si siano aperte le strade della speculazione anche a chi prima non poteva permetterselo è stato un primo punto di partenza.

Trading online opinioni

Ogni investimento ha i suoi rischi. Sono molte le persone che involontariamente hanno perso il loro capitale. Quest’ultimo molte volte è vincolato al raggiungimento di un determinato volume di investimento e per determinarlo, a seconda di ciò che stabilisce il broker, non sempre contribuisce il capitale impiegato. Si tiene spesso conto dei payoff positivi e negativi (creazione e distruzione marginali di valore). Così, la leva finanziaria è un’arma a doppio taglio, in quanto potrebbe amplificare le perdite. D’altronde, lo stop loss non è facile da impostare se non si ha in mente un buon sentiero d’investimento atteso.

Ma, in fondo, una volta maturata la consapevolezza finanziaria dei rischi, non si vede perché tutto debba diventare un male.
Se è proprio vero che i giochi speculativi non riescono a diventare almeno a somma 0 (logica della teoria dei giochi), allora, l’introduzione delle stanze di compensazione in capo al broker permetterebbe di re-distribuire le perdite a vantaggio degli investitori, in modo da poter ri-mettere in circolo la distruzione parziale di valore, sino a che quest’ultima non esce fuori dal circuito per diventare parte dell’economia reale. Ma stiamo ragionando pensando ad un’ipotetica piattaforma di trading virtuale non regolamentata, autorizzata dalla CySEC.

Perché dire sempre: “Non investite in opzioni binarie che perderete; Lasciate perdere la speculazione?”
Anche per il mondo delle valute digitali (bitcoins, feathercoins, dodgecoins…) si è cominciato con il creare sistema di pooling del rischio differenti.
Introdurre elementi di cooperazione solidale in un gioco a somma negativa è da sempre spunto di ricerca scientifica.

Ines Carlone, economista politico, si è laureata con lode in Economia e commercio con una tesi su “Visioni del mondo e Teoria Economica”.

Per approfondire, puoi visitare anche:
Fondamenti

Recensioni broker

Strategie