Investire nell’arte è vantaggioso? Arte investimenti e opinioni

Pubblicato: 10 Ottobre 2022 di Valerio Sanna

Un opera d’arte può fare la differenza nell’arredamento di una casa o di un’attività, ma in questa guida valuteremo se investire nell’arte può essere remunerativo e conveniente.

Il mercato dell’arte è in forte crescita e i collezionisti di dipinti e sculture acquistano spesso pezzi con l’obiettivo di aggiungerli al loro portafoglio di investimenti e attendere un aumento del loro valore nel tempo.

Ma questo genere di investimento è davvero redditizio? Quanto denaro serve? Bisogna essere degli esperti? Quanto tempo occorre attendere prima di rivendere?

Queste sono solo alcune delle domande che i trader interessati a questo settore si fanno di frequente e noi cercheremo di rispondere in maniera esaustiva.

Ecco una tabella riepilogativa su come investire nell’arte:

📊 Tipologia: Investimenti in opere d’arte
📈 Migliori artisti su cui investire
  1. 🥇Alex Da Corte
  2. 🥈Michael Dotson
  3. 🥉Chad Kouri
📋 Migliori piattaforme per investire
  1. 🥇 Masterworks
  2. 🥈 Yieldstreet
  3. 🥉 Saatchi Art
⚙️ Settore Opere d’arte
💸 Investimento minimo
Non quantificabile
🖥️ Migliori piattaforme alternative
eToro

Se non vi sentite pronti per investire nell’arte per mancanza di capitali o poca competenza, potete optare per il Copy Trading, un sistema che permette di copiare le operazioni di altri trader, fra i più esperti della community eToro e replicare i loro rendimenti, basta un click.

Clicca qui e scegli quali trader copiare

Perché investire nell’arte

Questa domanda è cruciale se vi state affacciando a questo mercato e la risposta dipende da molteplici fattori.

Così come le azioni e le materie prime, anche l’arte può aumentare di valore e questo è il motivo principale che spinge ad acquistare e rivendere opere d’arte.

Un rapporto annuale stima che le vendite del mercato dell’arte globale abbiano superato i 65 miliardi di dollari lo scorso anno.

Ma questo non basta per investire nell’arte, bisogna anche considerare alcuni aspetti:

  • L’arte è un investimento a lungo termine, i rendimenti non arriveranno di certo in pochi giorni o poche settimane, servono anni per negoziare con successo in questo settore e non è affatto detto che si riesca a rientrare della spesa.
  • In effetti questo genere di investimenti è visto come un “accantonamento di valore” a lungo termine. Per diversificare, oltre a investire in oro e diamanti, alcuni grandi capitalisti investono anche in opere d’arte.

Investire nell’arte conviene?

Uno dei principali vantaggi dell’arte è che il suo valore non aumenta o diminuisce seguendo le fluttuazioni del mercato azionario e questo è uno dei motivi per cui viene visto come “riserva di valore” o quanto meno come modo per diversificare al massimo un portafoglio.

Anche nei periodi di crisi economica un’opera d’arte può apprezzarsi senza alcun rapporto con l’andamento dei mercati finanziari.

Questo però non accade sempre, quindi non possiamo affermare che investire nell’arte sia conveniente, perchè come tutti gli investimenti, può anche generare una perdita, anche drammatica.

E’ impossibile determinare il valore futuro di un’opera d’arte, anche se quando si tratta di artisti affermati ci sono alte probabilità che si apprezzino nel tempo, ma occorrono grandi capitali per acquistare opere di questo genere e non tutti ne hanno la possibilità.

A differenza di investire in intelligenza artificiale o di investire in petrolio, il ritorno economico potenziale delle opere d’arte è sempre sul lungo periodo.

Come investire nell’arte

Per investire nell’arte bisogna avere del capitale a disposizione, del quale non avete immediato bisogno, perchè queste opere possono anche deprezzarsi parecchio e dovrete aspettare prima di rivenderle.

  • Il primo passo da compiere è quello di visitare le gallerie locali e vedere cosa propongono.
  • Per farvi un’idea del mercato potete dare un’occhiata a siti come Artnet e case d’aste online come Sotheby’s.
  • Quando avete scelto un artista che vi interessa dovete selezionare l’opera che offre il miglior rapporto prezzo/potenziale e acquistarla.
  • Il difficile viene ora, perchè dovrete aspettare, anche degli anni prima di poter rivendere l’opera e non è detto che otterrete un profitto.

Investire nell’arte online

Anche l’arte può essere acquistata online, ma questo non cambia l’attenzione da porre su artisti e opere, anzi c’è un elemento in più da considerare: L’affidabilità del sito.

Non comprate mai da siti sconosciuti, potrebbero nascondere delle truffe. Assicuratevi che la galleria, il rivenditore o la società sia legittima.

Ecco alcuni dei siti dove potete investire nell’arte online:

  • Masterworks è un’ottima opzione, soprattutto per che è alle prime armi perché offrono una piattaforma molto professionale, che vi tiene costantemente aggiornati sul vostro investimento.
  • Yieldstreet è più simile a un ETF rispetto al precedente, perché investe in molte opere d’arte, diversificando in maniera molto oculata.
  • Saatchi Art è un altro sito Web che vi permette di acquistare opere d’arte direttamente online.
  • OpenSea è il più grande marketplace di NFT al mondo. I Non Fungible Token sono opere d’arte digitali, protette dalla Blockchain.
  • SuperRare è un altro importante mercato di opere d’arte in formato NFT.

Artisti su cui investire

Se volete investire nell’arte dovete studiare quali sono gli artisti contemporanei sui quali puntare, altrimenti è un po’ come fare scommesse alla cieca.

Ecco alcuni degli artisti più promettenti:

  • Alex Da Corte
  • Michael Dotson
  • Chad Kouri
  • Matt Lambert
  • Katherine Bernhardt
  • Trudy Benson
  • Nathan James
  • Cui Jie

Investire nell’arte: Cosa tenere a mente

Se state valutando di investire in opere d’arte dovete tenere a mente gli elementi chiave per puntare su questo mercato:

  • La competenza è indispensabile se volete investire con successo, non affidatevi al caso e studiate il segmento di mercato che vi interessa e i maggiori esponenti di quel particolare movimento artistico.
  • Il capitale a disposizione dev’essere congruo, non potete investire nell’arte tutte le vostre risorse finanziarie. Le opere d’arte non dovrebbero mai superare il 20% di un portafoglio diversificato.
  • Non bisogna essere troppo avari e “accontentarsi” di profitti ragionevoli, senza correre rischi eccessivi.
  • Valutate sempre i costi accessori, come il trasporto, le provvigioni delle case d’asta, lo stoccaggio e il mantenimento dell’opera in condizioni perfette.

In definitiva non dovreste investire nell’arte ciò che non potete permettervi di perdere. Purtroppo alcune opere d’arte possono perdere anche il 99% del valore.

Investire in arte antica

Il mondo dell’arte è ampio e bisogna restringere il raggio di ricerca a ciò che conoscete meglio e che vi interessa maggiormente.

L’arte antica è quella con il valore più stabile e duraturo nel tempo. Raramente un’opera d’arte antica crolla di valore, ma di solito il suo prezzo di mercato è proibitivo per molti investitori.

Se non siete esperti appoggiatevi ad un consulente esperto prima di mettere a rischio il vostro denaro.

Fate mota attenzione ai falsi e alle truffe, che anche in questo settore sono molto diffusi.

Investire in arte contemporanea

L’arte contemporanea può offrire rendimenti maggiori ma anche perdite colossali, quindi è più rischiosa di quella antica.

Il vantaggio è che i prezzi sono più bassi e potreste accaparrarvi l’opera di un artista emergente per poche migliaia di euro.

Il rischio di perdere tutto l’investimento in questo caso è reale, quindi fate molta attenzione.

Arte investimenti opinioni

Le opinioni degli investitori in opere d’arte sono molteplici, chi ha perso del denaro parla male di questo settore, mentre chi ha guadagnato lo esalta eccessivamente.

Solitamente i piccoli investitori, quelli con capitali risicati, sono anche i più “negativi” verso gli investimenti in opere d’arte, perchè non possono permettersi una grande diversificazione e quando un investimento “va male” la perdita li segna profondamente.

L’arte non si rivende con la facilità di un titolo azionario o di un ETF, quindi considerate anche questo quando valutate cosa comprare. Rivendere un quadro o una scultura può essere faticoso e costringervi ad usare piattaforme o case d’asta e perdere parecchio denaro in costi e commissioni.

Alternative ad investire nell’arte

Se cercate un rendimento a breve termine e non avete una grande competenza in opere d’arte, probabilmente dovreste guardare altrove dove investire il vostro denaro.

Non esistono investimenti sicuri ma ne esistono di più economici, intuitivi e adatti anche ai trader che non hanno grandi somme a disposizione.

Se volete diversificare il vostro portafoglio è preferibile utilizzare un’unica piattaforma e lasciar perdere l’arte. Meglio puntare su azioni, materie prime, indici, ETF, Forex, criptovalute, ecc. sfruttando la convenienza e l’affidabilità dei migliori Broker online.

Ecco i migliori Broker per investire sui mercati, tutti regolamentati e provvisti di un conto Demo per fare pratica senza rischiare nulla:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita
  • Corso Gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capex
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Formazione gratuita
  • Consulente personale
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: markets
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Trend dei Traders
  • Sicura e affidabile
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    72,30% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Migliori piattaforme per investire

    Per agevolare la vostra scelta abbiamo selezionato le 3 migliori piattaforme sul mercato, che permettono di investire in azioni, ETF e molti altri asset partendo con da capitali davvero esigui:

    eToro

    eToro è un Broker di rilevanza mondiale, con più di  25 milioni di utenti registrati e un’ottima piattaforma di trading.

    Questo intermediario finanziario vi permette di comprare azioni, ETF, indici, materie prime, valute e criptovalute tramite i CFD, sfruttando la leva finanziaria, partendo con soli 50 euro.

    eToro offre un servizio brevettato chiamato Copy Trading che vi permette di copiare tutte le operazioni a mercato dei migliori trader della community. Con un click potete scegliere i vostri trader preferiti, in base alle loro performance e copiare le loro operazioni finanziarie.

    Clicca qui e registrati su eToro

    XTB

    XTB è un Broker autorizzato dalla CySEC e quotato in Borsa, la sua affidabilità è proverbiale.

    Offre una piattaforma di trading chiamata xStation 5 e permette di comprare azioni , ETF, criptovalute, materie prime, ecc. Con soli 100 euro di deposito minimo e senza pagare commissioni di trading.

    Il successo di questo Broker è dovuto anche alla formazione, che si concretizza in un Corso di Trading estremamente dettagliato. E’ una vera e propria scuola per trader, ricca di lezioni, video e webinar incentrati sull’analisi tecnica e sulle migliori strategie operative.

    Potete accedere al corso gratuitamente, vi basta usare il link qui sotto:

    Clicca qui e accedi gratis al Corso di Trading

    Capex

    Capex è un Broker che ha ottenuto la prestigiosa licenza CONSOB e questo lo ha reso molto popolare nel nostro paese.

    Permette di negoziare i CFD di azioni, ETF, indici, materie prime, forex e criptovalute, con 100 euro di deposito e senza pagare commissioni di trading. Le piattaforme messe a disposizione da Capex sono la WebTrader e la famosa MetaTrader 5, entrambe gratuite e ricche di indicatori di analisi tecnica..

    Oltre all’ampia scelta di strumenti finanziari, sono i servizi che hanno reso Capex così famoso, ovvero:

    • L’accesso alla Trading Central , uno dei centri di analisi finanziarie più rinomati al mondo.
    • La Trading Academy , una vera e propria scuola di trading con una qualità davvero elevata e senza alcun costo per l’utente finale.

    Potete accedere alla Trading Academy e alla Trading Central, dal link qui sotto:

    Accedi gratis ai servizi di Capex cliccando qui

    investire nellarte

    Conclusioni

    Se avete letto con attenzione la nostra guida , ora saprete pregi e difetti di investire nell’arte e potrete valutare con la vostra testa se questo genere di attività può fare al caso vostro.

    Serve di certo competenza, capitali considerevoli e molta pazienza per comprare e rivendere opere d’arte con profitto, inoltre i rischi sono estremamente elevati.

    Se volete diversificare il vostro portafoglio è più semplice ed economico puntare ad investimenti “classici” come quelli in azioni e materie prime, piuttosto che comprare un quadro d’autore senza sapere se e quando potrete rivenderlo con profitto.

    Prima di fare qualsiasi mossa vi consigliamo innanzitutto di migliorare la vostra preparazione sfruttando il Corso di Trading realizzato da XTB, uno dei migliori del settore. Grazie al link qui sotto potere accedere gratis al corso e frequentarlo senza alcun vincolo:

    Clicca qui e accedi gratis al Corso di Trading

    FAQ

    Investire nell’arte conviene?

    Se si hanno grandi capitali a disposizione e una buona competenza nel settore può essere conveniente, ma anche rischioso.

    Come investire nell’arte?

    Si può investire partecipando alle aste e acquistando opere con la speranza che si apprezzino in futuro.

    Investire nell’arte rende bene?

    La risposta giusta è dipende, perchè questo mercato è molto diverso dagli altri e serve una certa competenza per ottenere dei risultati degni di nota.

    Si può investire nell’arte con pochi soldi?

    Non a breve termine, ma in teoria si può puntare su artisti agli inizi delle loro carriere e sperare che diventino famosi. Spesso però occorrono parecchi anni.

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]
    Lascia un commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.