George Soros: vita, successi e controversie

Abbiamo parlato di molti trader nelle nostre rubriche ma nessuno di questi riesce neanche lontanamente ad arrivare ai livelli di George Soros, una vera e propria leggenda vivente nel mondo del trading.

George Soros ha sempre colpito e affondato qualsiasi suo obiettivo, traendo sempre il massimo da ogni opportunità. Famoso è l’episodio di quando, con il suo Quantum Fund, riuscì a portare la lira italiana sull’orlo del baratro, insieme all’economia del paese.

Soros oggi ha un patrimonio di svariati miliardi di dollari, è un filantropo e riceve periodicamente premi per i suoi saggi economici e finanziari.

In questo approfondimento su George Soros analizzeremo:

  • chi è
  • cosa ha fatto e perché è al centro di alcune controversie
  • qual è la filosofia di trading che lo ha portato al successo

Scopriremo inoltre quali sono le piattaforme di trading più sicure per investire oggi. Parliamo di piattaforme che fanno della convenienza e dell’accessibilità i loro punti forti: eToro, ad esempio, ti permette di copiare le operazioni dei migliori trader e di ottenere fin da subito i loro stessi profitti.

Forse non potrai copiare George Soros, ma i professionisti iscritti alla piattaforma (come puoi scoprire tu stesso) ottengono guadagni di tutto rispetto!

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: obrinvest
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    75,80% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    George Soros: chi è

    L’investitore e filantropo George Soros è nato a Budapest, Ungheria, il 12 agosto 1930 dai genitori Tividar e Erzebat Schwartz. Per evitare una crescente persecuzione antisemita, suo padre cambiò il loro cognome in Soros nel 1936. 

    George Soros è sopravvissuto all’occupazione nazista seguita dal regime comunista in Ungheria nel 1944, riuscendo ad emigrare a Londra. Lì studiò economia e, dopo essersi laureato, si trasferì a New York nel 1956, dove entrò nel mondo della finanza.

    Alla London School of Economics, Soros iniziò ad approfondire la teoria della società aperta, studiando The Open Society and Its Enemies di Karl Popper che esplora la filosofia della scienza e funge da critica del totalitarismo.

    Soros si è laureato nel 1952 e anni dopo, nel settembre 1956, è salpato per New York dove ha accettato un lavoro presso la società di brokeraggio di Wall Street F.M. Mayer.

    Dopo aver lavorato per altre società, nel 1973 Soros ha creato un proprio fondo di copertura (il Soros Fund, subito dopo ha cambiato nome in Quantum Fund e successivamente Quantum Fund Endowment) con 12 milioni di dollari da parte degli investitori.

    Il fondo, con Soros al timone, ha riscosso un enorme successo grazie alle sue varie iterazioni. A settembre 2015 Soros, a 85 anni, era considerata la ventunesima persona più ricca del mondo.

    Ha iniziato il suo rinomato impegno filantropico e a favore dei diritti umani nel 1979. Dal 2012 le sue donazioni a vita ammontano a più di 7 miliardi di dollari attraverso le sue Open Society Foundation.

    La lezione essenziale che il libro ha impartito a Soros è che nessuna ideologia possiede la verità e che le società possono prosperare solo quando operano liberamente e apertamente e mantengono il rispetto dei diritti individuali – pensieri che influenzarono profondamente Soros per il resto della sua vita.

    George Soros: controversie

    Soros ha iniziato la sua attività filantropica nel 1979 e nel 1984 ha fondato le Open Society Foundations. Le fondazioni finanziano una serie di iniziative globali “per promuovere la giustizia, l’istruzione, la salute pubblica, lo sviluppo delle imprese e i media indipendenti”.

    Le cause che Soros aiuta con le sue fondazioni sono numerose (l’elenco delle attività delle fondazioni va avanti per 500 pagine), ma comprendono:

    • l’aiuto nelle regioni colpite da calamità naturali,
    • l’istituzione di programmi di doposcuola a New York City,
    • il finanziamento delle arti, il prestito di assistenza finanziaria al sistema universitario russo,
    • la lotta alle malattie e la lotta alla “fuga dei cervelli” nell’Europa dell’Est.

    Possibile che un filantropo goda di una fama talvolta molto controversa?

    Pur essendo una figura di spicco nel mondo filantropico, Soros è anche una figura provocatoria. Tra le sue posizioni controverse vi è quella di sostenere la modifica della “guerra alla droga” degli Stati Uniti per evitare l’attuale grado di criminalizzazione, che prevede una legalizzazione delle droghe leggere.

    Soros inoltre è stato coinvolto e ha tratto grande profitto dalla crisi valutaria del Regno Unito del 1992 (soprannominata Mercoledì Nero), oltre ad aver speculato in maniera pesante sulla lira.

    La vendita allo scoperto della valuta italiana portò la Banca d’Italia a dover vendere sul mercato 48 miliardi di dollari per sostenere il cambio, con una svalutazione del 30% che costrinse la lira ad uscire dal Sistema Monetario Europeo.

    George Soros libri

    Soros ha scritto diversi libri sull’incombente crollo dei mercati finanziari (e alcuni osservatori lo accusano di manipolare i mercati per raggiungere i suoi scopi) e ha sostenuto che le politiche degli Stati Uniti e di Israele abbiano dato origine all’antisemitismo globale.

    In occasione del World Economic Forum di Davos, tenutosi in Svizzera nel gennaio 2018, Soros ha chiesto una regolamentazione più severa su Facebook e Google.

    “Essi affermano che si limitano a distribuire informazioni”, ha detto. “Ma il fatto che siano distributori quasi monopolistici li rende servizi pubblici e dovrebbe assoggettarli a norme più severe, volte a preservare la concorrenza, l’innovazione e l’accesso universale equo e aperto”.

    Soros ha anche suggerito che i colossi della tecnologia potrebbero “compromettersi” per entrare nel mercato cinese, fondendo così la sorveglianza aziendale con la sorveglianza sponsorizzata dallo Stato per produrre “una rete di controllo totalitaria”.

    Controverso o amato, con le sue innumerevoli organizzazioni (attraverso le quali modella le politiche pubbliche e intraprende vasti progetti umanitari), l’impero finanziario e i 14 libri che ha scritto su temi che vanno dalla guerra al terrore al capitalismo globale, George Soros è una figura influente e un gigante della finanza e della filantropia.

    A livello di importanza, pochi altri trader hanno avuto un peso tanto determinante sulle nuove generazioni. Pensiamo ad esempio a Warren Buffett, a Jordan Belfort o a Ed Seykota, tutti in grado di lasciare un segno e di anticipare i tempi.

    George Soros Quantum Fund

    Nel 1970, Soros ha iniziato la sua carriera di affari. Fondò la Soros Fund Management e ne divenne il presidente.

    Tra coloro che hanno ricoperto posizioni dirigenziali in vari momenti ci sono stati anche persone del calibro di Jim Rogers, Stanley Druckenmiller, Mark Schwartz, Keith Anderson, e i due figli di Soros.

    Nel 1973, a causa di restrizioni normative che limitarono la sua capacità di gestire i fondi, Soros si è dimesso dai suoi fondi First Eagle.

    Ha poi creato il Quantum Fund, in omaggio al principio della meccanica quantistica di Werner Heisenberg. La maggior parte degli investitori sono state persone europei facoltose e mai più di 1000. Il Fondo ha emesso poche ulteriori azioni ed è cresciuto internamente.

    Nel luglio 2011, Soros ha annunciato di aver restituito nei fondi i soldi degli investitori esterni (del valore di 1 miliardo di dollari) per investire fondi dal suo patrimonio di famiglia, che ammonta a 24,5 miliardi dollari, a causa di alcune regole di divulgazione della US Securities and Exchange Commission.

    George Soros: la Banca d’Inghilterra

    Nel 1992, il gestore del fondo di Soros, Stanley Druckenmiller, tirò un ragionamento che diceva che la Banca d’Inghilterra non aveva abbastanza riserve per mantenere la propria moneta, e che non poteva permettersi di aumentare i tassi.

    Soros, con Druckenmiller, decide di “puntare” 10 miliardi dollari contro la sterlina in difficoltà, per poi andare a guadagnare 1 miliardo di dollari in una sola trade, da quel giorno Soros prese il soprannome di L’uomo che ha mandato in rovina la Banca d’Inghilterra.

    Nel 2013, il fondo Quantum ha registrato profitti per 5,5 miliardi dollari, il che rende ancora una volta Quantum, l’hedge fund di maggior successo nella storia. Fin dalla sua istituzione nel 1973, il fondo ha generato 40 miliardi di dollari in profitti.

    Soros si basò sulle dichiarazioni della Bundesbank, che diceva che non avrebbe sostenuto la valuta italiana, nei primi anni 90. Nessun Insider Trading quindi, tutte notizie lette alle luce del sole, con una grande capacità di comprensione da parte di George Soros.

    George Soros e la Central European University

    La Central European University (CEU) è un’università post-laurea in lingua inglese, accreditata negli Stati Uniti e in Ungheria con sede a Budapest. L’università offre lauree in scienze sociali, scienze umanistiche, legge, gestione aziendale, scienze ambientali, e matematica.

    CEU ha più di 1500 studenti provenienti da 100 paesi e 300 docenti provenienti da più di 30 paesi. CEU è stata fondata dal filantropo George Soros, che ha fornito un investimento di 880 milioni di dollari, rendendo l’università una delle più ricche in Europa. È considerata come una delle università più prestigiose in Europa centrale per le scienze sociali e umanistiche.

    CEU ha due sedi, tra cui la School of Public Policy e CEU Business School, 13 dipartimenti accademici, e 17 centri di ricerca.

    Nel 2017, l’Ungheria di Viktor Orbán ha approvato una legge per chiudere l’università di Soros, che ha proprio origini magiare.

    Strategie di investimento di Soros

    Soros è uno dei finanzieri di maggior successo della storia, le sue opinioni su temi di investimento ed economiche continuano ad essere ampiamente seguite in tutto il mondo.

    George Soros è uno speculatore a breve termine. Fa scommesse di grande portata e ad alto tasso di indebitamento sulla direzione dei mercati finanziari.

    Il suo famoso hedge fund è noto per la sua strategia macro globale, una filosofia incentrata sulla realizzazione di grosse scommesse a senso unico sui movimenti dei tassi di cambio, dei prezzi delle materie prime, delle azioni, delle obbligazioni, dei derivati e di altri asset basati sull’analisi macroeconomica.

    Investimenti speculativi

    In parole povere, Soros scommette che il valore di questi investimenti aumenterà o diminuirà. Soros studia i suoi obiettivi, lasciando che siano i movimenti dei vari mercati finanziari e i loro partecipanti a dettare le sue operazioni.

    Si riferisce alla filosofia che sta alla base della sua strategia di trading come alla riflessività. La teoria rifugge dalle idee tradizionali di un ambiente di mercato basato sull’equilibrio, in cui tutte le informazioni sono conosciute da tutti i partecipanti al mercato e, di conseguenza, vengono prese in considerazione nei prezzi.

    Soros ritiene invece che gli stessi partecipanti al mercato influenzino direttamente i fondamentali del mercato e che il loro comportamento irrazionale porti a boom e busti che presentano opportunità di investimento.

    Investimenti immobiliari

    I prezzi delle abitazioni forniscono un interessante esempio della sua teoria in azione. Quando i finanziatori rendono facile ottenere prestiti, più persone prendono in prestito denaro. Con i soldi in mano, queste persone comprano case, il che si traduce in un aumento della domanda di case.

    L’aumento della domanda si traduce in un aumento dei prezzi. I prezzi più alti incoraggiano i prestatori a prestare più denaro. Più denaro in mano ai mutuatari si traduce in un aumento della domanda di case, e un ciclo a spirale verso l’alto che si traduce in prezzi delle case che sono stati offerti molto più alti di quanto i fondamentali economici suggerirebbero sia ragionevole.

    Le azioni dei finanziatori e degli acquirenti hanno avuto un’influenza diretta sul prezzo della merce.

    Come fa Soros a investire in immobili? Un investimento basato sull’idea che il mercato immobiliare crollerà rifletterebbe una classica scommessa di Soros. La vendita allo scoperto delle azioni dei costruttori di case di lusso o la vendita allo scoperto delle azioni dei principali istituti di credito edilizio sarebbero due potenziali investimenti che cercano di trarre profitto quando il boom dell’edilizia abitativa va in crisi.

    Investimenti valutari

    La sua strategia ha funzionato più volte. Ha fatto una mossa simile con le valute asiatiche durante la crisi finanziaria asiatica del 1997, partecipando ad una frenesia speculativa che ha portato al crollo del baht (la valuta della Thailandia).

    Detto ciò, questi scambi sono stati così efficaci perché le valute nazionali contro le quali gli speculatori hanno scommesso erano agganciate ad altre valute, il che significa che erano in vigore accordi per “sostenere” le valute al fine di assicurarsi che esse venissero scambiate in un rapporto specifico rispetto alla valuta a cui erano agganciate.

    Quando gli speculatori piazzavano le loro scommesse, gli emittenti di valuta erano costretti a cercare di mantenere i rapporti comprando le loro valute sul mercato aperto. Quando i governi hanno finito il denaro e sono stati costretti ad abbandonare questo sforzo, i valori della valuta sono crollati.

    I governi vivevano nel timore che Soros si interessasse alle loro valute. Quando lo fece, altri speculatori si unirono alla mischia in quello che è stato descritto come un branco di lupi che scendeva su un branco di alci. Le enormi quantità di denaro che gli speculatori potevano prendere in prestito e fare leva hanno reso impossibile per i governi più piccoli resistere all’assalto.

    Le sconfitte di Soros

    Nonostante i suoi magistrali successi, non tutte le scommesse di George Soros hanno giocato a suo favore. Nel 1987 aveva previsto che i mercati statunitensi avrebbero continuato a crescere. Il suo fondo ha perso 300 milioni di dollari durante il crollo, anche se ha comunque fornito bassi rendimenti a due cifre per l’anno.

    Ha anche preso un colpo da 2 miliardi di dollari durante la crisi del debito russo nel 1998 e ha perso 700 milioni di dollari nel 1999 durante la bolla tecnologica, quando ha scommesso su un calo. Colpito dalla perdita, ha comprato molto in previsione di un aumento. Ha perso quasi 3 miliardi di dollari quando il mercato è finalmente crollato.

    George Soros

    Investire come George Soros

    L’influenza di Soros ha ispirato molti aspiranti trader negli anni a venire: molti ce l’hanno fatta, altri hanno dovuto fare i conti con il fallimento.

    Negli ultimi anni però il mondo del trading ha vissuto una vera e propria rivoluzione, introdotta dalla nascita delle piattaforme di trading online che hanno, di fatto, reso gli investimenti alla portata di tutti.

    Attenzione: non stiamo assolutamente dicendo che l’attività speculativa oggi sia facile, anzi. Semplicemente è possibile avviare questa attività, come hobby o con l’obiettivo di vivere di trading, anche iniziando con pochi capitali a disposizione.

    Dove farlo? Se vuoi seguire le orme di George Soros, hai due alternative a disposizione:

    • prova il Copy Trading di eToro, per copiare le operazioni dei migliori professionisti presenti sulla piattaforma. In questo modo potrai ottenere gli stessi profitti di un trader esperto e navigato (in proporzione a quanto deciderai di investire), anche se non hai ancora l’esperienza necessaria. Il funzionamento è semplice e ti basterà una semplice registrazione gratuita per iniziare, anche in modalità demo;
    • scarica gratuitamente il manuale di trading di OBRinvest, perfetto per apprendere le basi della disciplina. Al suo interno troverai tutto ciò di cui hai bisogno per muovere i tuoi primi passi e migliorare le tue competenze, approfittando dei numerosi esempi pratici che ti spiegano per filo e per segno ciò che devi fare per diventare un trader in grado di investire in maniera consapevole.

    Sia eToro che OBRinvest sono piattaforme sicure, regolamentate e che ti permettono di investire senza commissioni su qualunque asset tu voglia. Se vuoi puoi fare come Soros e puntare alla speculazione Forex o immobiliare, oppure lanciarti nel mercato delle criptovalute: le opzioni a tua disposizione sono illimitate.

    Conclusioni

    Il trading come George Soros non è per i deboli di cuore. Il rovescio della medaglia delle scommesse grosse e delle vincite grosse è fare investimenti grossi e perdite altrettanto grandi.

    Se non puoi permetterti di accettare la perdita, non puoi permetterti di scommettere come Soros. Mentre la maggior parte dei trader di macro hedge fund globali sono tipi relativamente tranquilli, che evitano i riflettori mentre si guadagnano la loro fortuna, Soros ha preso posizioni pubbliche su una serie di questioni economiche e politiche.

    Ricorda: se sceglierai di entrare nel mondo del trading, prenditi il tempo necessario per individuare la piattaforma più adatta a te. La scelta migliore che tu possa fare è testare le piattaforme di eToro e OBRinvest, che rappresentano attualmente l’elite dei broker CFD e forniscono un supporto continuo a tutti i propri utenti, oltre che strumenti moderni ed estremamente sicuri.

    Ecco altre storie di traders famosi che potrebbero interessarti

    Chi è George Soros?

    Un finanziarie di origini ungheresi che guadagnò una fortuna scommettendo contro la lira nei primi anni ’90.

    Perché George Soros è famoso presso il grande pubblico?

    Perché è da anni al centro di varie teorie del complotto.

    Che cosa c’è di vero nelle teorie su George Soros?

    Probabilmente la maggior parte delle accuse contro il finanziere sono false. Semplicemente, utilizza la sua immensa fortuna per finanziare le cause politiche che gli interessano (di solito partiti politici di estrema sinistra e anti-occidentali).

    Qual è la caratteristica dell’operatività di George Soros?

    Si è preso rischi altissimi ma è stato abbondantemente ripagato.

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]