Seleziona una pagina

Il Money Management è uno dei pilastri per il successo nel mondo del Forex. Il Money Management è infatti l’insieme di tutte quelle strategie che vengono utilizzate per gestire i capitali, ovvero per massimizzare i guadagni e minimizzare le possibili perdite.

Questo significa dunque che, escludendo l’analisi tecnica e fondamentale (che come ne abbiamo parlato serve per individuare le occasioni di investimenti su coppie di valute appetibili) la gestione del denaro, ovvero il money management, permette di ottimizzare i propri investimenti attraverso l’analisi del valore di ogni posizione a mercato.

Che cos’è il Money Management

Ma che cos’è di preciso il Money Management? Il Money Management è senza dubbio il “mantra” del trader. Attraverso il Money Management è quindi possibile permettere al proprio capitale di rendere al massimo per arrivare a registrare dei profitti di tutto rispetto.

Una strategia di Money Management efficiente ed adeguata, permette dunque di far scegliere al trader il quantitativo di denaro da investire in ogni singola operazione, in modo da alzare l’asticella della profittabilità. Il Money Management è anche utile per capire che somma investire sul broker, e che strategie e position sizing adottare per il proprio trading.

Iniziare con la giusta strategia di Money Management

Per iniziare nel migliore dei modi con la migliore possibile strategia di Forex Money Management possibile, è necessario iniziare con un primo versamento adeguato ai propri obiettivi e al proprio “risk appetite”. Sì, infatti è inutile depositare 100 euro se poi si vuole guadagnare 1000 euro al mese. Sarà possibile guadagnare così tanti soldi con un deposito esiguo soltanto rischiando moltissimo. Il deposito deve quindi essere sempre adeguato ai propri obiettivi e rapporto di rischio/rendimento. Ecco che in questo caso il Money Management arriva in nostro soccorso.

È importante prima di tutto sapere che durante il primo versamento, così come per tutti gli altri versamenti, nel momento in cui il denaro viene caricato sul conto, resta in qualsiasi modo di proprietà del trader. Questo significa dunque che è possibile disporre del capitale in qualsiasi momento, e che può essere ritirato o utilizzato per fare trading in qualsiasi momento. Senza contare poi il fatto che la piattaforma forex (gran parte di esse) erogano un bonus sul primo deposito che dipende proprio dall’importo depositato all’inizio.

Ad esempio, basta depositare 100 euro per vedersi poi recapitare un bonus di altri 100 euro. Questo significa che sarà possibile iniziare a fare trading con ben 200 euro, avendo investito in realtà soltanto 100 euro.

Non tutti i broker sono però uguali. Molti offrono un bonus di primo deposito, mentre altri offrono dei bonus a propria descrizione. Altri addirittura offrono dei conti VIP con carta di credito collegata (soltanto agli investitori più facoltosi), mentre molti offrono un conto di trading demo gratuito. I bonus e le promozioni per ottimizzare il proprio money management sono sempre dietro l’angolo. È semplicemente sufficiente scegliere il miglior broker di trading.

Tuttavia sarebbe sempre meglio non esagerare mai con il proprio investimento, e ricordarsi sempre di non investire mai più di quanto si è disposti realmente a perdere.

Come iniziare a guadagnare con il Money Management giusto

Se si vuole guadagnare realmente nel mondo delle valute, è molto importante impostare una strategia ben testata con largo anticipo, in modo da conoscere al meglio il suo funzionamento nel dettaglio. È necessario quindi ottimizzare e tenere sotto controllo tutti i vari parametri della strategia di trading online. È importante ovviamente non lasciarsi prendere dall’entusiasmo ed evitare assolutamente di investire troppo denaro.

È importante anche non voler “vincere sempre” a tutti i costi: una strategia di trading è composta sia da vincite, ma anche da perdite. Non allungare gli stop loss se la strategia non lo prevede, tagliare sempre le perdite. Così facendo sarà possibile fare trading in maniera adeguata e responsabile.

Come ridurre i rischi della propria strategia al minimo

Per ridurre al minimo i rischi della propria strategia al minimo, è molto semplice. Prima di tutto è possibile iniziare a risparmiare semplicemente diversificando: “mai mettere tutte le uova nello stesso paniere” è senza dubbio uno dei mantra dei trader che hanno un occhio di riguardo al money management.

Importante anche non superare mai la dimensione della posizione da aprire a mercato. Così facendo, non si rischierà mai più del dovuto.

Per fare ciò, è conveniente basarsi su una percentuale.

Facciamo un esempio: se decidiamo di riservare massimo 10 euro per trade con un conto da 1000 euro, significa che stiamo rischiando 1% per trade. Se invece decidiamo di riservare massimo 10 euro per trade con un conto da 100 euro, significa che stiamo rischiando il 10% per trade.

Ovviamente il secondo esempio risulterà molto più rischioso del primo, in quanto saranno sufficienti 10 posizioni chiuse in perdita del 100% per azzera il conto.

Il consiglio è quello di non rischiare più dell’1% per trade, e mai rischiare una cifra superiore al 30% al giorno. Una serie di investimenti negativi è infatti molto gravosa sia per il proprio portafoglio che per la propria psicologia di trading.

Gestione del proprio capitale

Uno dei più grandi segreti per gestire il proprio capitale, è quello di non cambiare mai e poi mai la propria strategia (o ancora peggio, fare trading per noia). Succede anche in autostrada: vediamo una fila più veloce, e quindi ci infiliamo subito dentro, per poi riportarci su quella di prima. Spesso non porta a niente agire così, e molto spesso si rischia di fare danni.

Nel forex non conviene passare da una strategia all’altra. La disciplina e la perseveranza pagano sempre sul lungo termine.

È molto importante anche programmare la propria strategia. Conviene infatti fare un foglio excel dove annotare tutte le info del proprio conto di trading, e aggiornarlo settimana per settimana. Così facendo sarà possibile tracciare l’andamento del proprio patrimonio.

È consigliabile poi effettuare dei re-investimenti cadenzati ed eventualmente anche prelievi dei profitti. Molti consigliano di prelevare una cifra che si aggiri all’incirca tra il 30 e il 70% dei profitti, e reinvestire una cifra che va dal 70 al 30% dei profitti.

Il trading non è un gioco, ma è vera e propria imprenditoria. Per affrontarlo al meglio è infatti necessario avere un piano di trading, un money management correlato e mai avere fretta. Solo sul lungo termine si raggiungo i risultati desiderati.

Torna indietro all’indice Guida Forex
Vai al capitolo successivo – Psicologia del Trading