Seleziona una pagina

Ritracciamenti di Fibonacci

I livelli di Fibonacci spiegati in un veloce articolo che descrive i pregi e i difetti di questo indicatore tecnico usato da gran parte dei traders, sia nell’azionario che nel forex.

Sicuramente tutti conoscere Fibonacci, lo studioso toscano che nell’antichità riuscì a prevedere la “prevedibilità” dei mercati, attraverso dei pattern che si ripetono, quasi come un circolo vizioso, sui grafici del prezzo. A quel tempo non esistevano ovviamente i mercati finanziari, ma questi valore venivano utilizzati e ritrovati in natura.

Con il tempo, poi, i numeri di Fibonacci sono stati applicati sui mercati finanziari, e con lo stupore di tutti, ci si è accorti che questi valori governano ancora oggi i mercati finanziari.

I ritracciamenti di prezzo di Fibonacci vengono messi in pratica con un precedente swing che va dal “minimo verso massimo” utilizzando i valori 0.236 (negli swing più lunghi) 0.382, 0.50, 0.618, 0.786. Questi valori vengono utilizzati per identificare i livelli di supporto, mentre il mercato rintraccia da un massimo.

I rintracciamenti vengono anche utilizzati in uno swing che va da un massimo verso un minimo, utilizzando gli stessi valori, che verranno però stavolta utilizzati per cercare un possibile valore di resistenza, in quanto in questo nuovo caso il mercato starà rimbalzando dal basso.

Ritracciamenti di fibonacci supporti e resistenze

Gran parte dei pacchetti di analisi tecnica metteranno in pratica i livelli di rintracciamento per voi mentre selezionerete lo swing desiderato. Sarà semplice quanto tracciare una linea che andrà dal minimo verso il massimo (in cerca di valori di supporto), oppure tracciare una linea che andrà da un massimo verso un minimo (in cerca di valore di resistenza).

Se invece siete così curiosi da voler capire al 100% la matematica che c’è dietro Fibonacci, basta moltiplicare la lunghezza dello swing per i valori di fibonacci, e poi sottrarre i risultati dal massimo (nel caso stessimo andando attraverso uno swing che va dal minimo verso il massimo), farete l’inverso ovviamente nel caso di uno swing che va dal massimo verso il minimo.

Come regola comune, non si prende qualsiasi valore di Fibonacci per oro colato, ma per giudicare se un livello da considerare o meno valido, è semplice guardare il grafico che stiamo analizzando. Se non vediamo una violazione del livello oppure un dip incredibile, non considererei valido il segnale che Fibonacci ci sta fornendo.

I livelli di Fibonacci sono livelli molto utili che ci aiutano a trovare possibili supporti e resistenze importanti, però che rimangono nascoste. Ci possono fornire degli ottimi livelli di inversione e di stop dei trend correnti, con una grande attendibilità. E’ ovvio però che questi livelli vanno sempre presi con le pinze, ed è necessario usarli con un pizzico di buon senso.

Ritracciamenti di Fibonacci: individuare il Trend

I ritracciamenti di Fibonacci sono quindi uno di quegli strumenti di analisi tecnica ai quali non è possibile rinunciare, grazie proprio alla loro grande affidabilità.

I ritracciamenti di Fibonacci vengono dunque disegnati sulla base di un Trend di tipo Dominante.

Ritracciamenti di Fibonacci

Ritracciamenti di Fibonacci

Il Trend Dominante può essere individuato semplicemente selezionando un timeframe molto ampio. Il trend può essere quindi di due tipi:

Crescente: quando i minimi sono sempre inferiori e i massimi superiori;
Decrescente: quando i minimi sono sempre inferiori e i massimi superiori;

Ritracciamenti di Fibonacci: come funzionano

Una volta che si avrà dunque individuato il trend principale e si avranno disegnato (grazie all’apposito strumento presente sulla propria piattaforma) i livelli di Fibonacci, sarà possibile dunque ottenere ogni ritracciamento di Fibonacci associato ad un preciso livello di prezzo, livelli che andranno quindi a rappresentati i nostri supporti e resistenze.

Ritracciamenti di Fibonacci: supporti e resistenze

Una volta che si avrà tracciato i ritracciamenti, sarà possibile notare che sono presenti vari numeri associati ad ogni “linea”:

Ritracciamento a 23.6: quasi tutti i ritracciamenti arrivano a toccare il livello di 23.6. Questo significa che è presente una forza crescente da parte del contro-trend.
Ritracciamento a 38.2: si tratta di un livello di rintracciamento ancora più forte del 23.6. Questo significa dunque che è possibile una continuazione del trend in questione.
Ritracciamento a 50: non è un vero rintracciamento di Fibonacci, ma è comunque considerato dal mercato.
Ritracciamento a 61.8: uno dei livelli più importanti, che conferma lo status di contro-trend raggiunto da parte del mercato.

Ognuno di questi livelli è quindi anche un importante livello di supporto e resistenza e agirà da “calamita” per il prezzo. Ogni rottura di supporto o di resistenza, porterà inevitabilmente una forza crescente verso il prossimo supporto/resistenza.

Fare trading ogni giorno con i livelli di Fibonacci, significa prima di tutto prevedere l’andamento futuro dei prezzi, operando su livelli scientificamente provati e molto considerati da parte dei mercati finanziari.

Per approfondire, puoi visitare anche:
Fondamenti

Recensioni broker

Sommario Articolo
Ritracciamenti di Fibonacci
Titolo Articolo
Ritracciamenti di Fibonacci
Descrizione
Vediamo insieme cosa sono e come funzionano i Ritracciamenti di Fibonacci. Clicca qua per saperne di più.
Autore
Nome Editore
DiventareTrader
Logo Editore