Come investire 1000 euro nel 2024: 5 opportunità di investimento

Se avete 1000 euro pronti da investire, congratulazioni: è un ottimo inizio! Forse ora non lo pensate, ma 1000 euro in tasca sono davvero tanti quando si tratta di investire.

Ci sono molte opzioni disponibili per chi ha un budget di questo tipo. E anche se non ci sono garanzie quando si tratta di investimenti, iniziare con poco significa che le eventuali perdite non saranno troppo elevate, il che significa che potrete imparare man mano senza correre troppi rischi.

In questa guida vi mostreremo quante alternative esistono per investire 1000 euro, analizzando i prodotti di investimento più adatti per il vostro budget per valutare vantaggi e rischi associati a ciascun tipo di prodotto (e come mitigarli). 

La questione dei rischi è strettamente correlata ad una domanda fondamentale: dove investire 1000 euro? Oltre a presentarvi le migliori alternative d’investimento, allora, scopriremo anche quali sono le migliori piattaforme per farlo.

Su eToro, ad esempio, potrai scegliere da un’ampio catalogo di asset, strutturato in modo da consentire una diversificazione adeguata per la creazione di un portafoglio efficiente e bilanciato. Senza dimenticare che parliamo di una piattaforma sicura e regolamentata, alla portata anche di chi non ha alcuna esperienza in materia di investimenti.

Clicca qui per registrarti su eToro

Investire 1000 euro – riepilogo:

Investimento:💶 1000 €
📍 Dove investire:Forex, Azioni emergenti, Indici, Materie prime, Bitcoin
👮‍♂️ Come investire in modo sicuro:Diversificazione
💻 Migliori piattaforme:eToro / XTB / Trade.com

Forex

Il mercato Forex è il luogo in cui vengono comprate e vendute le valute. L’obiettivo è quello di ottenere un profitto speculando sulle oscillazioni che si vengono a creare sul valore di una coppia di valute

Di certo avrai sentito parlare di EUR/USD che è il cambio euro dollaro, o di USD/JPY che è il cambio tra dollaro americano e Yen giapponese: tutte queste valute, e molte altre ancora, possono essere negoziate sul Forex.

Il Forex è conosciuto come uno dei mercati più proficui al mondo, in quanto vi investono il maggior numero di trader e si hanno i volumi di scambio maggiori.

I vantaggi di operare sul Forex sono:

  • mercato dinamico e altamente liquido;
  • ampia possibilità di diversificazione;
  • orari di negoziazione che vi permetteranno di investire 5 giorni su 7 in maniera continuativa.

Gli svantaggi sono:

  • elevata volatilità (soprattutto in momenti specifici della giornata, quando i vari mercati internazionali si sovrappongono);
  • necessità di fare day trading, cosa che richiede un certo impegno e un orientamento al breve termine.

Il modo più immediato per accedere al Forex è quello di rivolgersi a piattaforme come XTB. Qui troverete un gran numero di valute disponibili per la negoziazione attraverso strumenti derivati come i CFD, perfetti per investire anche nei momenti di ribasso del mercato e provare ad ottenere ugualmente un profitto.

Investendo 1000 euro sul Forex potrete creare un portafoglio ben diversificato, bilanciando la presenza di coppie di valute stabili con altre dal maggiore potenziale di rendimento (e, ovviamente, rischi maggiori).

Clicca qui per investire 1000 euro sul Forex con XTB

Azioni di società emergenti

Il mercato azionario è un’altra opzione interessante anche e soprattutto se sei un principiante, con a disposizione una piccola somma da investire. 

Operare sul mercato azionario ti permetterà di avere la possibilità di speculare sugli andamenti e sulle performance delle azioni delle aziende che operano in tutti i settori dell’economia, dalla tecnologia alla produzione di beni di consumo. 

Se vogliamo ampliare l’orizzonte del nostro investimento, pur mantenendo alto il rapporto rischio/rendimento potenziale, una soluzione interessante è rappresentata dalle azioni di società emergenti.

Quando si investono 1.000 euro in azioni di società emergenti, prima di tutto è importante comprendere i rischi associati all’investimento in queste società a piccola capitalizzazione:

  • le azioni a piccola capitalizzazione possono essere molto volatili;
  • il loro valore è altamente imprevedibile.

È quindi importante fare ricerche prima di investire ed essere sicuri di investire in una società che abbia una forte potenziale di crescita.

Di contro i vantaggi sono:

  • prezzo d’acquisto iniziale basso;
  • potenziale di rendimento elevato.

Quando si investe in società emergenti, è anche importante diversificare il portafoglio investendo in una varietà di titoli e in più settori. In questo modo si contribuisce a distribuire il rischio associato all’investimento in una particolare società o settore. Inoltre, è buona norma diversificare anche dal punto di vista geografico; investire in Paesi diversi può contribuiscono a minimizzare il rischio di fluttuazioni valutarie.

Infine, l’investimento in società emergenti è una strategia a lungo termine e non ci si deve aspettare che generi rendimenti significativi nel breve periodo.

Un portafoglio ben bilanciato può vedere azioni di società in rampa di lancio accanto ad altre di aziende più solide (Nike, Coca Cola, Amazon e moltissime altre ancora). 

La piattaforma più indicata per questo tipo di investimenti è eToro, dotata di un catalogo che comprende oltre 3.000 azioni sulle quali è possibile investire a partire da 10 € sulla singola società. Parliamo di una piattaforma sicura, regolamentata e intuitiva anche per i trader meno esperti.

Clicca qui per investire in azioni emergenti su eToro

Indici

Gli indici in genere intimoriscono i traders principianti: si tratta delle classiche sigle che si sentono al telegiornale (NASDAQ, Dow Jones, FTSE MIB, etc.) e che, se non si conoscono bene, possono incutere timore e soggezione negli investitori.

In realtà investire sugli indici è più facile di quello che sembra: si tratta di panieri composti dalle principali azioni delle società quotate in una particolare Borsa Valori. Per intenderci, nell’indice italiano, il FTSE MIB, sono raccolte 40 azioni appartenenti alle più grandi società italiane (Ferrari, Pirelli, Unicredit, Enel, etc.).

Si tratta di titoli caratterizzati da un ottimo livello di diversificazione e che solitamente non subiscono oscillazioni repentine delle quotazioni: in termini pratici sapete cosa significa?

Che difficilmente potrete perdere tutti i soldi investendo negli indici ma, piuttosto, avrete sempre tempo per aggiustare la vostra posizione e trasformare un iniziale svantaggio in vantaggio.

Una modalità accessibile per investire 1000 euro in indici è tramite i CFD, strumenti derivati che replicano l’andamento di questi asset e permettono di investire anche con capitali limitati. Tutto ciò che dovrete fare sarà limitarvi a capire se un indice si muoverà al rialzo o al ribasso e investire di conseguenza.

Su Trade.com è possibile trovare un’ampia scelta di indici di Borsa, scegliendo tra mercati europei, asiatici, statunitensi e altri ancora.

Clicca qui per investire in indici su Trade.com

Materie prime

Un’altra valida opzione è quella di investire il vostro denaro sulle materie prime.

Questo mercato offre diverse opportunità, adatte ad ogni profilo di investimento. Abbiamo materie prime solide e stabili nel tempo (come l’oro, bene rifugio per eccellenza), altre più volatili, come il petrolio, e altre ancora caratterizzate da una forte stagionalità che ne determina l’andamento dei prezzi. Insomma, comprare oro può essere utile a fini difensivi mentre comprare Petrolio potrebbe essere un’occasione per speculare nel breve termine.

Le materie prime ovviamente sono oggetto di scambio sui mercati finanziari. Investire in materie prime significa entrare nel vivo dei rapporti commerciali globali e degli equilibri geopolitici.

Lo abbiamo definito un mercato rustico proprio in quanto quello delle materie prime è il mercato che regge l’intera economia mondiale: i paesi industrializzati, ad esempio, hanno un costante bisogno di materie prime, non solo di metalli (settore industriale), di combustibili (settore energetico e dei servizi), ma anche di generi alimentari (semi e materie prime come farina, soia, mais).

Per investire in materie prime non avrete bisogno di acquistarle in senso fisico. Potrete infatti speculare sul loro andamento appoggiandovi a piattaforme di trading come Trade.com, una delle preferite da chi opera su questo mercato grazie all’ampia varietà di commodities quotate al suo interno e alla presenza di un software stabile e affidabile come MetaTrader.

Clicca qui per investire in materie prime su Trade.com

Bitcoin

Bitcoin rappresenta in realtà un intero mercato, al quale vogliamo dedicare qualche riga a parte. Se dovessimo paragonarlo a quanto analizzato fin qui, il mercato delle criptovalute condivide la struttura di base con il Forex, dal momento che entrambi si basano sulle quotazioni di coppie di valute.

Le dinamiche, però, sono sensibilmente diverse.

Il mercato delle criptovalute è infatti estremamente instabile e volatile, capace di cambiamenti repentini e improvvisi anche nell’arco di una singola giornata. Cambiamenti che molto spesso sono difficili da prevedere, proprio perché parliamo di un mercato con regole proprie e all’interno del quale spesso basta un tweet per cambiare le carte in gioco.

Detto ciò, sappiamo che il valore di Bitcoin è ben superiore ai 1000 euro in questione. Fortunatamente, però, è possibile anche investire in frazioni di Bitcoin, definendo il capitale che vogliamo dedicare all’investimento nella regina delle criptovalute senza la necessità di acquistare un token intero.

Il consiglio rimane quello di non investire la totalità dei 1000 euro in Bitcoin ma provare a diversificare, scegliendo anche altre criptovalute ad alta capitalizzazione per costruire un portafoglio ben bilanciato.

Dove investire in Bitcoin? eToro offre il grado più elevato di sicurezza (molto più alto rispetto agli exchange) e condizioni favorevoli anche per chi investe con capitali limitati.

Clicca qui per investire in Bitcoin su eToro

L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non è regolamentato in alcuni paesi della UE. Nessuna tutela del consumatore. Possono essere applicate tasse sui profitti.

Investire 1000 euro

Conclusioni

Investire 1000 € oggi è una grande opportunità, ancor più se pensiamo che i capitali di accesso al mondo del trading online sono sensibilmente più bassi.

Se è vero che per iniziare bastano anche solo 10 €, un capitale 100 volte più grande rappresenta un ottimo punto di partenza. A ciò aggiungiamo che tutti gli strumenti necessari per sviluppare competenze di livello sono totalmente gratuiti e capiamo una volta di più come entrare in questo mondo e raggiungere il successo sia veramente alla portata di tutti.

L’importante è, come spesso sottolineiamo, dedicare il giusto tempo alla formazione e alla pratica, approfittando magari nel frattempo di strumenti come il Copy Trading che possono accorciare sensibilmente il tempo che ti separa dall’ottenere profitti di un certo livello.

Piattaforma: Proprietaria
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Conto Remunerato
  • Azioni Frazionate
  • REGISTRATI
    1star 1star 1star 1star 1star
    Il 51% dei conti CFD al dettaglio perde denaro.
    Piattaforma: xStation
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Corso Trading Gratuito
  • Conto Remunerato
  • Oltre 1.500 Asset
  • REGISTRATI
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma:
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • REGISTRATI
    1star 1star 1star 1star 1star
    74.90% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

    Se un domani il capitale a vostra disposizione dovesse aumentare, potrebbero interessarvi anche le nostre guide su:

    FAQ

    1000 euro sono pochi per investire?

    No, anzi sono più che sufficienti. Le migliori piattaforme per investire consentono di cominciare con appena 250 euro.

    Qual è la migliore piattaforma per investire 1000 euro?

    Probabilmente eToro che consente anche di copiare quello che fanno gli altri investitori della piattaforma.