Seleziona una pagina

Come fare trading di Ethereum

Ethereum è una piattaforma peer to peer di tipo blockchain che si occupa di smart contracts ovvero di contratti intelligenti. Grazie all’utilizzo di questo genere di contratti viene generato un sistema di pagamento chiamato Ethereum. L’unità di misura di questo moneta elettronica è chiamata Ether.
Ethereum dunque è sia una piattaforma che una cryptovaluta. Grazie alla piattaforma possono girare diversi tipi di contratti capaci di garantire una sicurezza crittografica.

La piattaforma, inizialmente menzionata nel 2013, è stata rilasciata in versione live nel luglio del 2015.

Nelle più recenti versioni di Ethereum sono stati inclusi tre linguaggi di programmazione preposti alla creazione di smart contracts.

  • Serpent, ispirato a Python
  • Mutant, con ispirazione a Go
  • LLL, che prende ispirazione a Lisp

Per finanziare lo sviluppo della piattaforma è stata effettuata una prevendita durata poco più di un mese che ha fruttato l’equivalente di oltre 18 milioni di dollari.

Le ultime versioni della piattaforma permettono agli utenti in rete di fare mining, ovvero di ricavare Ether. Ethereum viene comunemente abbreviato in ETH ed un Ether è diviso in sottounità chiamate finney, szabo, shannon, babbage, lovelace e wei, tutte personalità legate al mondo della crittografia e della programmazione.

Cos’è una cryptovaluta?

Una cryptovaluta è quindi una moneta elettronica slegata dal concetto di centralizzazione e dunque da ogni sovranità statale. La criptovaluta si basa, come è per l’Ethereum, sulla crittografia e permette transazioni sicure ed anonime. Il valore attribuibile alla cryptovaluta si può dunque accomunare a quello della potenza di calcolo. Ovviamente però, al netto di questo valore, va aggiunto il fattore dettato dagli scambi nei mercati.
In ogni caso una cryptovaluta è sicuramente una moneta che per propria natura evita alcune problematiche legate all’inflazione. La formazione di nuova valuta è precedentemente progettata per raggiungere un tetto massimo nella circolazione della moneta.

Come guadagnare con le cryptovalute

Guadagnare con le cryptovalute come Ethereum è possibile in 3 modi:

  • Produzione
  • Acquisto
  • Trading online

La produzione di Ethereum non è sicuramente un’operazione rapida ed adatta a chi vuole trarre buoni profitti da questo genere di moneta elettronica. Si tratta infatti di mettere a disposizione risorse elettroniche da mantenere sempre attive. Il tutto può rivelarsi molto lento e poco conveniente.
Comprare Ether è una possibilità per chi ritiene che questa valuta possa accrescere sempre più il proprio valore. Gli investimenti online comprando cryptovalute sono però generalmente piuttosto costosi. Certo, si può provare, però occorre investire somme non troppo piccole per poter arrivare a buoni guadagni. Questo se il trend della moneta è sempre positivo.

Il trading online con le cryptovalute sembra essere invece l’opzione migliore per chi vuole impegnare somme non eccessive ed avere l’opportunità di ottenere buoni profitti.

L’Ethereum, così come buona parte delle cryptovalute, tende ad una volatilità molto importante
, a variazioni spesso estreme e repentine. Per questo motivo il trading, tra gli investimenti online, è il più consigliabile per guadagnare davvero.

Fare trading online con le cryptovalute

Appurato che il trading online è la soluzione migliore tra gli investimenti online, occorre capire come districarsi nel migliore dei modi fra i moltissimi broker che si offrono come strumenti per guadagnare online.

Prima di tutto occorre rivolgersi ad un broker sicuro. Un broker può essere definito sicuro solamente se regolamentato da un ente deputato al controllo delle operazioni finanziarie. In Italia questo ente si chiama Consob. Con l’Unione Europea sono però equiparabili anche gli altri enti dei paesi UE. Trade.com (clicca qui per il sito ufficiale), un buon broker con sede e licenza a Cipro, può quindi operare con clienti italiani in modo del tutto legittimo.

Ethereum è una valuta che va considerata con estrema cura dai trader. Si tratta di una moneta che negli ultimi mesi ha stupito per la sua irrefrenabile crescita e che ha in seguito subito un importante calo. Questa volatilità consente a chi fa trading online di guadagnare in ogni caso, sia nei momenti felici dell’asset sia in quelli più sfortunati. L’importante è cogliere i momenti adatti prevedendo il trend.

Quali broker per investire in Ethereum?

Il broker migliore per investire in Ethereum va cercato fra quelli che permettono di gestire al meglio le proprie posizioni di investimento.
Oltre ovviamente ad un broker sicuro e regolamentato, è bene rivolgersi a chi è in grado di offrire convenienza e rapidità.
La convenienza è data da spread ristretti come quelli che ad esempio offre Trade.com (clicca qui per il sito ufficiale).

La rapidità viene in particolar modo dalla realizzazione di piattaforme prestanti ed efficaci. In questo caso, dalla velocità di apertura o di chiusura di una posizione può dipendere il guadagno o meno di somme non troppo minimali. Una valida webtrader, una buona piattaforma di trading e applicazioni per smartphone ben realizzate possono quindi fare una certa differenza. Anche in questo caso si può prendere ad esempio la struttura molto interessante creata da Trade.com.

La formazione

Il bitcoin è stata la prima cryptovaluta scambiata sui mercati. Solo da poco tempo sono approdate al grande pubblico dei trader una serie di nuove cryptomonete piuttosto interessanti. Ethereum poi è decisamente giovane.

Per questo motivo anche trader già piuttosto esperti possono trovarsi in difficoltà di fronte ad andamenti imprevisti di questo genere di valute. Per evitare di improvvisare è quindi necessario trovare un broker online capace di mantenere aggiornati e di formare.

Per imparare a conoscere il nuovo mondo delle cryptomonete è sicuramente un bene avere a disposizione informazioni sempre puntuali, semplici e ricche.
L’aggiornamento deve essere fruibile in maniera rapida e precisa. Un ulteriore buon esempio è quello dato da Trade.com che in una veste semplice e pulita racchiude le news dai mercati, il calendario economico e video con panoramiche sui mercati.

Iscriversi su Trade.com è veramente semplice: basta cliccare qui e inserire i propri dati.

Che si sia dei trader esperti o dei principianti è sempre bene conoscere i mercati sui quali si va ad investire evitando di improvvisare sperando solamente nella fortuna. Oltre alle sezioni teoriche è quindi bene prendere in considerazione anche quelli che sono gli account demo od account di prova. In questo modo si riesce a fare pratica in maniera attiva senza correre alcun rischio. Gli account di prova possono sicuramente essere utili per asset che vivono spesso importanti volatilità. Apprendere alcune sottigliezze nei loro trend può fare davvero la differenza quando si va poi ad investire denaro reale.

Per approfondire, puoi visitare anche:

Fondamenti

Recensioni broker